BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MILAN/ Kakà giura di nuovo fedeltà al Milan e spiega: «Servono campioni ma anche i giovani! »

Il brasiliano giura per l’ennesima volta fedeltà ai colori rossoneri e consiglia il mercato alla squadra

Kaka_R375_21dic08.jpg (Foto)

«Ora parlo io. Non ho avuto contatti con il Real, nessuno mi ha cercato e penso di aver già dichiarato il mio piacere e la mia voglia di stare qui». Con queste parole, rilasciate alla Gazzetta dello Sport, Kakà cerca di fare chiarezza riguardo alla propria situazione. Non passa giorno, infatti, in cui i quotidiani spagnoli non parlino di un accordo raggiunto fra Kakà e il Real Madrid: «Giuro fedeltà al Milan per la quinta volta, mi pare – ribadisce Kakà - ormai ho più vite di un gatto». Poi il giocatore continua: «Più che altro comincia a diventare una storia noiosa, anche per il pubblico. Comunque credo di avere ormai un certo credito con i tifosi, perchè ho dimostrato di voler restare. C’è stato quel momento di dubbio col Manchester City, non sapevo che cosa poteva accadere. Ma poi ho deciso e ora, ribadisco, non ho contatti e accordi con nessuno. Sono rimasto per l’affetto dei tifosi, sentire tutto lo stadio che durante Milan-Fiorentina gridava "non si vende Kakà" è stato fantastico. Sono rimasto per questo, per la storia che ho fatto con questa squadra e che potrò ancora fare».

Diverso invece il commento su Ancelotti: «E’ molto legato a questa squadra. Certo, dopo tanti anni può aver voglia di cambiare, ma se resta raggiunge il record di presenze di Rocco. Entrare nella storia non è poco». E fra i sostituti del tecnico di Reggiolo vi è l’attuale allenatore del Cagliari Allegri: «E’ giovane, ha una mentalità nuova, idee nuove. E’ la sorpresa del campionato. Se dobbiamo cambiare, può essere una buona soluzione». Infine un “consiglio” ai propri dirigenti per quanto riguarda il mercato: «Se punti solo sui giovani non vinci mai. La ricetta è mischiare. Quando sono arrivato, nel 2003, il Milan era un mix perfetto di esperienza e gioventù. Ora alcuni giocatori sono un po’ invecchiati. Bisognerebbe rinnovare il mix, abbassare un po’ la media di età della squadra».

© Riproduzione Riservata.