BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA/ Juventus, Chirico su esonero Ranieri:«Evviva! Ora dateci Antonio Conte»

MARCELLO CHIRICO, giornalista di fede bianconera e volto conosciuto di Telelombardia, analizza l'esonero di Ranieri. Chiede l'arrivo di Antonio Conte e apre alla presidenza di Lapo Elkann

Conte_gicatore_R375_20apr09.jpg (Foto)

«Da ottobre dicevo di esonerare Ranieri. Dopo 6 mesi alla Juventus  sembrano avermi ascoltato. Ora Elkann deve avere il coraggio di cacciare tutti i dirigenti incompetenti che guidano la Vecchia Signora e chiamare Antonio Conte, il nostro capitano». Marcello Chirico, giornalista di fede bianconera e volto storico di Telelombardia, è un fiume in piena quando parla dell’esonero del tecnico romano e, in esclusiva per ilsussidiario.net, analizza la situazione dei bianconeri.

Cosa ne pensi dell’esonero di Ranieri?

La ritengo una piccola vittoria personale dopo tutto quello che ho detto e fatto in televisione. Era da tempo che dicevo che Ranieri non poteva continuare ad essere l’allenatore bianconero.

Cosa succede adesso con Ferrara traghettatore?

Credo che la decisione ultima dell’esonero sia arrivata da John Elkann. Se fossi stato in lui avrei preso una macchina e senza farmi vedere da nessuno sarei arrivato in sede. E guardando in faccia i dirigenti ne avrei licenziati in tronco buona parte. Passano troppe ore in assemblee fiume che non portano a nessuna decisione concreta. C’è gente pagata bene che non ha il coraggio di decidere. Cosa ci sarà poi da capire quando da 2 mesi non vinci una partita...

A ottobre infatti avevi già avanzato l’ipotesi di esonerare Ranieri e prendere Ferrara…

Dopo l’inizio di stagione altalenante nei risultati avevo bocciato Ranieri e proposto l’arrivo di Ciro, Ora a 6 mesi di distanza hanno preso in considerazione la mia ipotesi. Se non vedi queste cose vuol dire che non sei capace di gestire un club di calcio. Ora facciamo tabula rasa e ricostruiamo la Juventus, visto che siamo ancora in tempo.

Un allenatore da Juve chi potrebbe essere?

Antonio Conte. E’ juventino, giovane, ha voglia di fare e conosce molto bene l’ambiente e la società.

E chi potrebbe prendere la dirigenza?

A loro piace molto Spalletti. Ma lui sarebbe l’uomo giusto per i bianconeri? Sembra un filosofo e poi le sue squadre non sempre esprimono un bel calcio. Non dimentichiamo che alla Roma ha subito anche batoste tremende, come quella di Manchester. Mi piacerebbe uno diretto, come Antonio Conte, che risponda in faccia alle provocazioni di Mourinho e gliele canti. "VotAntonio" insomma...

Sarebbe opportuna l’entrata in società di Andrea Agnelli?

Credo che sia lui a non volersi muovere. Non ha mai rilasciato dichiarazioni pubbliche da nessuna parte in cui esprimesse la volontà di occuparsi delle questioni juventine. Quindi l’impressione è che non abbia nessun progetto. Andiamo allora con Lapo Elkann presidente… Lapo Elkann, con le mille contraddizioni che porta con sé... ma solo il fatto che sia lui  a prendere la presidenza significa che la famiglia Agnelli si prende direttamente le responsabilità della gestione bianconera. Tutte le volte che alla presidenza c’è stato qualcuno della famiglia Agnelli, la Juventus ha sempre vinto, fin dai tempi di Edoardo Agnelli, fondatore della Fiat. E poi Lapo vuole bene ai colori bianconeri, quindi... perché no?

Mercato: Diego,Cannavaro e ora?

Forse nessuno ha capito che il punto debole della squadra è la difesa. Non si può avere questa difesa colabrodo come domenica si è visto con l’Atalanta. Va benissimo Diego, al limite Cannavaro anche se…

Dovrebbe chiedere scusa ai tifosi…

Assolutamente. E io andrò alla conferenza stampa di presentazione e gli chiederò, dopo avergli dato il benvenuto, : «Tu non devi dire nulla ai tifosi?». Può anche prendere la maglia numero 29, ma chiarisca una volta per tutte e chieda scusa per quello che ha fatto. Lo deve a tutti i tifosi della Juventus

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
19/05/2009 - RANIERI e le cadute di stile Juve (Claudio Scardillo)

Forse è d'uopo ricordare che questa non è la prima caduta di stile di quella che una volta veniva chiamata la Vecchia Signora. Ricordo infatti come arrivò l'ormai ex-allenatore Ranieri. Dopo la fuga di Capello, venne posto sotto contratto un altro ex-calciatore juventino Didier Deschamps il quale pur avendo in passato raggiunto una semifinale (se non una finale) Champions accettò di allenare la juve in serie B (!); vinse con diverse giornate di anticipo l'ultimo campionato vinto dai bianconeri. Ebbene venne ripagato con la non conferma per l'anno successivo. Perchè quei fenomeni della "nuova dirigenza" avevano altri progetti ed ecco Ranieri esonerato con altrettanto "stile". Ma siete proprio sicuri che sia una questione di allenatore?? Se devo essere sincero, da milanista, mi auguro che nello sfortunato caso in cui dovessimo perdere Ancelotti prendessimo Ranieri. Infatti anche ad Ancelotti la dirigenza bianconera non rinnovò il contratto non ritenendolo da Juve. Sono sicuro che al Milan Ranieri diventerebbe anche lui tra i più titolati d'Europa in attività...