BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Napoli, è rottura con Lavezzi. Donadoni: «Non capisce i suoi difetti»

Ore convulse per il futuro dell'attaccante argentino che potrebbe accettare l'offerta del Liverpool

lavezziR375_02ott08.jpg (Foto)

«La sua permanenza dipende solo dal Napoli, ma credo che il club abbia ormai intenzione di cederlo». Così il procuratore di Ezequiel Lavezzi, Alejandro Mazzoni, intervenendo a Radio Kiss Kiss Napoli ha alimentato le parole rilasciate ieri sera che parlavano di un 50% di possibilità che il suo assistito rimanesse nel club partenopeo. «Il Napoli non ha mantenuto le promesse che aveva fatto a Lavezzi- ha spiegato- È da domenica che sto aspettando una chiamata da Pierpaolo Marino per avere un incontro con il presidente, quindi è un po’ difficile per noi sapere ciò che vuole il Napoli. Ai tifosi partenopei vorrei dire che sono sempre stato a disposizione del direttore e che l'ultima volta che l'ho visto gli ho parlato di un'offerta importante per Lavezzi da parte di un club straniero. Il presidente però non si è fatto sentire, non ha risposto neanche al Pocho. Il Liverpool? Non sono l'agente Fifa autorizzato a parlare ma posso dire che l'offerta è vera e che Marino l'ha respinta. Quello che conta, ad ogni modo, è il rapporto del Napoli con noi e, al momento, non c'è alcun tipo di rapporto. Il direttore Marino aveva promesso un adeguamento contrattuale a Lavezzi, ma poi non se n'è fatto più nulla».

«Oggi c'è un'offerta importante per il calciatore e per il club- ha poi aggiunto- ed ora ho l'impressione che il Napoli voglia venderlo. Tengo a precisare che Napoli, per Lavezzi, è importantissima, ma stiamo parlando di un club inglese che gioca in Champions League e, oltretutto, gli offre un ingaggio tre volte superiore a quello che guadagna in azzurro. I calciatori non sono schiavi, sono persone. Si può comprare il cartellino di un giocatore, ma non la sua volontà. La percentuale che Lavezzi resti al Napoli dipende solo dalla società».

Sull’argomento è intervenuto anche Roberto Donadoni, che a Radio Marte ha lanciato nei confronti dell’argentino alcune osservazioni. «Il Pocho deve capire ancora di più le sue potenzialità, non perchè non s'impegna ma perchè non ha capito ancora quali sono i suoi difetti. Solo migliorando può davvero mettere in mostra tutte le sue qualità. Lavezzi è disponibile ma è normale che bisogna considerare anche gli aspetti psicologici. parlerò con lui e valuteremo».

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
30/05/2009 - Ezequiel merita un grande club (Marletta Giacomo)

Con tutto il rispetto per una società come il Napoli penso che il Pocho meriti di giocare in un grande club. L' attaccante argentino è nato nel maggio dell' 85 quindi, calcisticamente parlando, ha l' età giusta per fare il salto di qualità e consacrarsi definitivamente come un giocatore di valore assoluto. Il Liverpool sarebbe il club giusto per la consacrazione del Pocho infatti il pubblico di Anfield da sempre ama i giocatori con un grande spirito di sacrificio; inoltre, giocando per i Reds, troverebbe un grande allenatore come Rafael Benitez. Penso che Ezequiel abbia fatto una prima parte di stagione fenomenale ma che poi il suo rendimento, così come quello dello slovacco Hamsik, sia sceso; infatti due campioni se non sono supportati da altri campioni fanno fatica ad esprimersi. Sarei comunque dispiaciuto se Lavezzi partisse per l' estero perchè il calcio e lo sport italiano ne risentirebbero notevolmente.