BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Juventus, Nedved: «Mi fermo, voglio stare vicino alla mia famiglia»

Pubblicazione:domenica 31 maggio 2009

nedved_addio_R375x255_31mag09.jpg (Foto)

«Con oggi ho smesso di correre, mi devo anche fermare un attimino e stare vicino alla mia famiglia». Lo afferma Pavel Nedved al termine della partita con la Lazio vinta dai bianconeri per 2-0. Il suo non è solo un addio alla Juventus ma al calcio giocato. «Quello di oggi è stato un giorno difficilissimo, ma anche bellissimo, ho sentito tantissimo affetto dai compagni e dai tifosi - ha spiegato il campione ceco ai microfoni di Sky Sport -, mi sono sempre stati tutti vicini, credo che insieme abbiamo fatto bellissime cose, posso lasciare tranquillo». Oggi il popolo bianconero gli ha più volte dedicato cori e applausi, per ringraziarlo degli otto anni passati insieme e di quello che ha fatto per la storia della Juventus.

 

Sempre oggi il suo procuratore Mino Raiola aveva commentato l’abbandono dai bianconeri. «Se io fossi stato un dirigente e avessi avuto Nedved, non mi sarei preoccupato di trovare i sostituti ma solo di convincerlo a rimanere. Da una parte c'è l'amarezza di lasciare la Juve, ma dall'altra si chiude un capitolo e se ne apre altro - afferma Raiola a Sky -. Lui è sempre un ragazzo allegro, affronta così le cose. E io fino all'1 settembre farò di tutto per farlo giocare altrove: questo però dipende da lui e non da me. Fino a domani non si penserà al dopo-Juve". Raiola precisa però che la rottura con il club bianconero non è stata possibile per questioni economiche. «Non c'è mai stata una trattativa economica con la Juve. Non c'erano i presupposti per continuare la sua carriera qui, ma non per problemi economici. Pavel ha sempre trovato un accordo sull'ingaggio con la Juve, in B come in A, questo non è mai stato un problema» ha concluso l'agente che cura anche gli interessi di Zlatan Ibrahimovic.



© Riproduzione Riservata.