BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JUVENTUS/ Agente Camoranesi contro Ranieri: «Ci vuole rispetto per certi giocatori»

Sergio Fortunato è tornato sulla lite tra il suo assistito e l'allenatore

camoranesi_ ranieri_R375x255_05nov08.jpg (Foto)

Camoranesi e Ranieri, ormai è guerra aperta. Dopo quanto successo ieri nello spogliatoio bianconero, ora è Sergio Fortunato, procuratore dell'italpo argentino a tornare sull'argomento ai microfoni di Radio Radio: «Ci vuole più rispetto per giocatori di un certo spessore, dopo otto anni di militanza alla Juventus. Per Camoranesi non ci saranno strascichi, ma lo si deve capire: domenica ha giocato in un ruolo non suo e aveva diritto di chiedere un appello nel secondo tempo giocando da esterno, come sa fare. È comprensibile li nervosismo di tutta la squadra, che si è vista sfumare il secondo posto e rischia di perdere anche il terzo». Gli animi sono tesissimi in casa Juve e l'agente del giocatore, che ha un contratto fino al 2011 con i bianconeri, ha ammesso un po' di nervosismo da parte del suo assistito: «È un giocatore che in tutti questi anni in Italia non ha mai avuto problemi con nessun allenatore. È un uomo di carattere, è abituato a vincere e ha accettato di andare in serie B anche da campione del mondo. Può darsi che abbia avuto un po’ di nervosismo. Nel secondo tempo la Juve è tornata a giocare con un 4-4-2 e Camoranesi avrebbe potuto essere utilizzato nel suo ruolo».

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
05/05/2009 - Stile Juve, stile FIAT, stile Exor (Giuseppe Crippa)

Il signor Bruscagnin pone in modo a mio avviso correttissimo la questione del rapporto allenatore-giocatore. Il ruolo dell’allenatore è particolarmente delicato, ed è doveroso lasciarglielo svolgere, a meno di casi che dovrebbero essere eccezionali mentre soprattutto in Italia sono fin troppo frequenti, fino alla scadenza del suo contratto. Sono francamente sgradevoli le esternazioni, verbali e/o gestuali, dei giocatori sostituiti e del tutto fuori luogo le esternazioni dei cosiddetti agenti. La Juve è una società controllata dalla finanziaria degli Agnelli, la Exor, che in questo momento sta tessendo una trama di importanza rilevante nel mondo dell’auto, guadagnandosi, comunque vadano le cose, la stima della comunità economica e finanziaria mondiale. Sarebbe bello che da Exor arrivasse alla sua società sportiva l’input, in questo momento del tutto inatteso, di continuare a perseguire il piano di rilancio della prima squadra con l’attuale staff tecnico, riconfermando così che le sue controllate, da FIAT alla Juve, onorano i contratti, in tutti i campi.

 
04/05/2009 - Rispetto per certi giocatori (Giuliano Bruscagnin)

Non so se Ranieri abbia verbalmente mancato di rispetto a Camoranesi nell'intervallo di Juventus-Lecce, ma lo ritengo altamente improbabile, se non impossibile. Se la mancanza di rispetto nei confronti del giocatore consiste nella sua sostituzione sia il giocatore che il suo agente sbagliano. Non è qui in discussione se la mossa dell'allenatore sia stata tatticamente corretta, anzi probabilmente non lo è stata, mentre decisamente fallimentare è risultato l'esperimento delle tre punte. Ma mentre abbondano i giudici del dopo partita, Ranieri, che pur non mi soddisfa, le sue decisioni deve prenderle da solo e, come stavolta, in corso d'opera. Camoranesi, che a fronte di un trattamento economico di tutto rispetto quest'anno ha dato poco alla Juve sia pure per reiterati problemi fisici, deve,anche se a malincuore, adeguarsi alle scelte dell'allenatore, che è quello che più di tutti ci mette la faccia. Quello che alla fine paherà per tutti sarà probabilmente Ranieri. Nulla pagheranno nè Camoranesi, nè il suo agente.