BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Juventus, rumors e trattative al 19 giugno. Offerta Diarra, trattativa Rossi-Trezeguet, ipotesi Ambrosini

Tutte le operazioni di mercato dei bianconeri nella giornata di ieri

L’offerta per Diarra fa abbassare il prezzo di D’Agostino

La missione madrilena di Alessio Secco, utilizzata per sondare la pista Diarra, ha avuto anche un altro obiettivo: mettere sul “chi va la” l’Udinese. I bianconeri, infatti, hanno voluto mandare un chiaro messaggio al club friulano: se non ci vendete D’Agostino cerchiamo un’alternativa. E l’alternativa si chiama proprio Diarra che il Real Madrid valuta 20 milioni di euro, 5 in meno del valore di D’Agostino per l’Udinese, ma che vanta già un bagaglio importante a livello internazionale e non. Allarmato dalla situazione, il club friulano avrebbe subito “convocato” i dirigenti juventini per un nuovo faccia a faccia. L’offerta della Vecchia Signora è ferma a 15/20 milioni di euro e non vuole assolutamente sottostare ai voleri di Pozzo. Ora spetta al patron dei friulani fare un passo indietro e venire incontro alla proposta della Juventus, magari trovando una soluzione a metà.

Rossi, l’ad del Villareal: «Trezeguet ci piace!»

Anche Gago e Robben nel mirino Il diesse bianconero Alessio Secco è tornato in Italia dopo il viaggio a Madrid e Villareal: questo quanto è trapelato. Stando a quanto riporta Tuttosport l’ad dei “Sottomarini Gialli” avrebbe risposto così alla richiesta di cessione di Beppe Rossi: «E’ un grande talento e ha solo ventidue anni, due ottime ragioni per considerarlo incedibile. Però lo era anche Kakà per il Milan e sapete tutti com’è finita. Di fronte a un’offerta irrinunciabile... ». Chiaro quindi il messaggio di José Manuel Llaneza: fateci una superofferta e l’italiano sarà vostro. Il Villareal avrebbe valutato il proprio giocatore 25 milioni di euro, ma la notizia meno felice è che il cartellino di Trezeguet è stato valutato solo 7. La Juventus dovrebbe quindi coprire “cash” la parte restante e l’operazione potrebbe essere complicata. Un inizio di trattativa si è comunque creato e non è detto che con il passare del tempo le due società possano trovare un accordo che stia nel mezzo. Intanto, lo stesso ad del Villareal, ha comunque regalato apprezzamenti a Trezeguet: «Non mi sembra corretto rivelare cosa ho risposto a Secco, mentre posso sicuramente dire che Trezeguet è un grande giocatore». Alessio Secco è volato in Spagna anche per trattare il centrocampista del Real Diarra. Le Merengues hanno garantito sul pieno recupero dall’infortunio, ma hanno anche risposto picche alla proposta bianconera, pronta a prendere in prestito il maliano. La Juventus starebbe quindi prendendo tempo e starebbe sondando anche altre piste, una su tutte è quella che porta a Gago, un regista perfetto per lo scacchiere di Ciro Ferrara. Un altro giocatore che piace moltissimo alla Vecchia Signora è l’olandese Arjen Robben, che a Torino verrebbe reinventato seconda punta, al fianco di Amauri e davanti a Diego.

Ambrosini tentenna per il rinnovo: c’è la Juventus e il Chelsea

Il rinnovo di Ambrosini con il Milan tarda ad arrivare. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, l’amministratore delegato rossonero avrebbero offerto un prolungamento di un anno alle stesse cifre del contratto attuale ma il centrocampista avrebbe risposto picche. L’agente del giocatore, Moreno Roggi, continua a dirsi tranquillo ed è sicuro che il prolungamento prima o poi arriverà, ma in realtà, dietro all’inattesa fumata nera sembra esserci dell’altro. Secondo quanto riporta il quotidiano Libero, infatti, due top club si sarebbero interessati recentemente al giocatore e precisamente la Juventus e il Chelsea. Il club bianconero è da tempo alla ricerca di un incontrista che possa creare insieme a Sissoko una vera diga e il biondo centrocampista sarebbe l’uomo perfetto. Diverso invece il discorso del Chelsea, ipotesi legata più ad un risvolto sentimentale, derivante dal grande rapporto che vi era con mister Ancelotti. In settimana dovrebbero attendersi altri aggiornamenti ma è chiaro che nel Milan si stanno venendo a creare fin troppi “casi particolari” di mercato.

© Riproduzione Riservata.