BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Napoli, rumors e trattative al 19 giugno. De Sanctis, Marchetti per la porta, Sereni smentisce, Nilmar si fa avanti, Santacroce apre al

Tutte le operazioni di mercato dei partenopei nella giornata di ieri

Agente Nilmar: «Costa 20 milioni!»

Resta proibitivo il prezzo di Nilmar, l'attaccante dell'International cercato a lungo dal Palermo e negli ulitimi giorni accostato anche al Napoli di De Laurentiis: «Costa 20 milioni di euro, ma ha qualita' indiscutibili'», ha detto a Radio Kiss Kiss Sabatino Durante, agente del giocatore. «Per meno di quella cifra non si muovera' da Porto Alegre - ha concluso -. E' un giocatore di qualita', un pelino sotto Kaka'. In molte manifestazioni addirittura Nilmar lo ha fatto sedere in panchina, poi l'infortunio al ginocchio lo ha obbligato ad un periodo di stop».

Per la porta sfida a 3: De Sanctis, Sereni e Marchetti

Sembra restringersi, per il prossimo colpo di calciomercato dei partenopei, a 3 i nomi per la porta. In cima alle preferenze c’è il nome di Morgan De Sanctis. Il portiere, impegnato in queste ore con la nazionale, avrebbe già dato un assenso di massima a trasferirsi a Napoli e ritrovare Roberto Donadoni. Dopo due stagioni all’estero vuole ritornare in Italia per prepararsi al meglio per i mondiali in Sudafrica. Una piazza prestigiosa come quella partenopea gli darebbe tutte le garanzie di mettersi in mostra e giocarsi una chiamata azzurra. Altro nome che rimbalza nelle ultime ore è quello di Matteo Sereni del Torino. Al momento la situazione, all’interno dell’ambiente granata, è tutta in divenire e nonostante la promessa del presidente Cairo di non voler cedere i pezzi migliori della sua rosea, Sereni si starebbe guardando intorno. Offerte per lui ci sono state anche dalla Premier ma il progetto Napoli è decisamente più allettante di un campionato lungo e particolare come quello di Serie B. Infine non sembra tramontata del tutto l’ipotesi di Federico Marchetti. Le possibilità di vederlo in maglia azzurra sono calate negli ultimi giorni, ma una risposta chiara sul suo futuro si potrà avere solo dopo le mosse del Cagliari che molto probabilmente riscatterà la metà se non tutto il cartellino dall’Albinoleffe, che detiene al momento il 100% del cartellino del giovane portiere, cresciuto nella squadra lombarda.

L’agente di Sereni: «Nessun contatto, nemmeno dall'estero»

In queste ultime ore si è diffusa l’indiscrezione secondo cui Matteo Sereni, estremo difensore del Torino, sarebbe nelle mira di alcuni club inglesi e soprattutto del Napoli, sul mercato alla ricerca di un nuovo portiere. Per cercare di saperne di più, la redazione de ilsussidiario.net ha contattato in esclusiva l’agente del portiere, Silvia Sereni: «Per quanto riguarda le voci che vogliono il portiere al Napoli o in Inghilterra – spiega l’agente - nessuno mi ha contattata». Toccherà quindi al Torino decidere se trattenere il giocatore anche in Serie B o cederlo al miglior offerente.

Santacroce confessa: la Juventus è un sogno

Santacroce in bianconero? La voce di calciomercato rimbalza da qualche giorno nonostante Pierpaolo Marino abbia dichiarato di non avere trattato il giocatore con la Juve. Al di là delle voci una cosa è certa, nonostante il giocatore (22 anni, alle spalle già una convocazione di Lippi) stia bene sotto il Vesuvio, in bianconero ci andrebbe di corsa. «Quando ho letto che piaccio alla Juve, quando ho visto critto sui giornali che sono nel mirino di Ferrara, beh, non lo nego, mi sono sentito orgoglioso, molto orgoglioso - ha raccontato a Tuttosport - E pure un po' lusingato. Quella bianconera è una squadra fortissima, plurititolata, molto rispettata in Italia e in Europa. Conosco Ferrara da quando lavorava nello staff di Lippi in Nazionale. E' assai preparato dal punto di vista tecnico tattico e ha doti umane straordinarie. Proprio come Donadoni, mio attuale allenatore qui a Napoli. Lavorare alle dipendenze di uno come Ciro Ferrara, che è stato un grandissimo difensore centrale, potrebbe dare ulteriore impulso alla mia crescita professionale, potrebbe aiutarmi a diventare ancora più forte».

© Riproduzione Riservata.