BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ As Roma, Fioranelli ha l'ok di Mediobanca. Vicina la fine dell'era Sensi

La A.S. Roma potrebbe essere ceduta dalla famiglia Sensi alla cordata guidata da Vinicio Fioranelli. Entro la giornata di lunedì

rosella_sensi_R375x255_12nov08.jpg (Foto)

Un segnale. La A.S. Roma potrebbe essere ceduta dalla famiglia Sensi alla cordata guidata da Vinicio Fioranelli. Entro la giornata di lunedì. A meno di eventi inaspettati. Nel pomeriggio di ieri, Vinicio Fioranelli avrebbe incontrato, a Milano, alcuni dirigenti di Mediobanca, advisor finanziario di Compagnia Italpetroli. L'agente Fifa avrebbe mostrato alla Banca le garanzie richieste.

 

OPERAZIONE CHIUSA? — Alcune fonti sostengono che la negoziazione sia stata proprio chiusa. Positivamente per Vinicio Fioranelli. E dunque, la società sarebbe già passata di mano. Ad ogni modo, occorrerebbe sistemare una serie di dettagli tecnici. Poi, si procederà alla firma del preliminare, quindi alla chiusura della due diligence, infine all'adempimento degli obblighi di notifica all’antitrust. Lunedì, comunque, la situazione sarà certamente più chiara, e dopo la notizia, trapelata in tarda serata, dell'ok di Mediobanca a Fioranelli si dovrebbe scrivere l'ultimo atto dell'era Sensi.

 

LA ROMA SMENTISCE — La Roma smentisce tutto, trapela dal Fulvio Bernardini. I vertici giallorossi sono convinti. Non a caso, poco prima delle ore 16, Compagnia Italpetroli ha diffuso ieri un comunicato. La holding dei Sensi «precisa che stanno procedendo e sono tuttora in corso le verifiche (...) in merito alla concretezza dell'interesse a suo tempo rappresentato dal Sig. Fioranelli, in nome e per conto di una società di diritto svizzero, ad acquisire il pacchetto azionario di controllo di A.S. Roma, nonché sulla capacità economica e finanziaria di tale società». Nulla di concreto, insomma. Anzi. Mediobanca sarebbe ancora impegnata ad analizzare l'offerta che Vinicio Fioranelli sarebbe disposto a presentare in modo ufficiale.

 

L'OPERAZIONE — La trattativa esiste, però. E viene portata avanti da mesi. Vinicio Fioranelli rappresenta un gruppo di imprenditori, tra i quali figurano Volker Flick e Massimo Pica, decisi ad acquisire il pacchetto di maggioranza della A.S. Roma. «Sono molto fiducioso. E non deluderemo nessuno», disse Fioranelli il 22 maggio scorso. Il Mondo — settimanale economico — ha scritto che la cordata svizzero-tedesca avrebbe intenzione di investire circa 500 milioni di euro, nel progetto. La famiglia Sensi incasserebbe una cifra che oscilla tra i 200 e i 210 milioni di euro per la cessione della propria quota societaria, pari al 67,097% del capitale. Oltretutto, Fioranelli depositerebbe la somma presso Spafid, la fiduciaria di Mediobanca. Il Mondo fa presente che sarebbero, tra l'altro, pronti tre distinti contratti. Uno per il marchio, un secondo per gli impianti sportivi, un ultimo relativo alla società.


LA ROMA IN BORSA — Ieri, il titolo della A.S. Roma ha chiuso la giornata in Borsa con un rialzo del 14,57%. Pertanto un'azione vale, al momento, 1,14 euro. Gli scambi sono stati assai elevati. I pezzi passati di mano sono stati 3.349.808, per un controvalore di 3.571.365 euro. Si tratta del 2,1% del capitale. Il titolo giallorosso ha guadagnato, a Piazza Affari, il 24,84% nell'ultimo mese; il 93,38% negli ultimi tre mesi, l'8,99% dal 19 giugno del 2008; il 131,85% dal 19 giugno del 2006. Non poco.

 

(fonte romanews.eu)
© Riproduzione Riservata.