BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Roma, rumors e trattative al 25 giugno. Questione Fioranelli, riscattata metà Motta, Taddei piace ai viola. Shevchenko prossimo obietti

Tutte le trattative di mercato e le operazioni dei giallorossi nella giornata di ieri

Fioranelli non molla e rilancia. Braccio di ferro con Mediobanca-Unicredit

 

Ancora una giornata di attesa di questa lunga trattativa tra Fioranelli e la Roma. L’accordo annunciato da più parti venerdì prima che emergessero nuovi dubbi dove sembrava non ve ne fossero più. Un comunicato di Italpetroli, uno di Fioranelli. Attesi tutto il giorno, annunciati da varie fonti. E mai arrivati. Ci si chiede chi stia mettendo i bastoni tra le ruote. La risposta non è per nulla scontata e merita un approfondimento. Venerdì scorso, dopo che la cordata svizzero-tedesca aveva ottenuto il via libera da Mediobanca, si era indicato in lunedì il giorno giusto la chiusura dei giochi. Sabato, però, un comunicato ufficiale di Compagnia Italpetroli (che avrebbe dovuto confermare le indiscrezioni positive) aveva allontanato di fatto la fine della trattativa. Giovedì il giorno indicato da fonti vicine a Vinicio Fioranelli, l’agente Fifa al vertice della Fio Agency, interessata all’acquisizione del club. Ieri la frenata. Mancherebbe la delibera alla fidejussione da 300 milioni di euro come garanzia del finanziamento richiesto dal gruppo a Mediobanca. I problemi dovrebbero riguardare la provenienza dei fondi messi a disposizione dal gruppo. Proprio questo punto e le continue richieste di ulteriori documentazioni e certificazioni stanno congelando una trattativa che è ormai “chiusa” da tempo e che venerdì scorso sembrava aver vissuto l'ultimo atto dovuto con la benedizione delle banche. Così non è stato, e ci risulterebbe un irrigidimento improvviso di Mediobanca e Unicredit che ha portato a una situazione di stallo. Vien da chiedersi se dietro questa “melina” non si celi una certa diffidenza e freddezza verso una soluzione, quella di Fioranelli, che forse non è quella auspicata da certi ambienti romani (finanziari, politici, tifoseria ecc), che avevano immaginato altri scenari per il dopo Sensi. Ora c'è chi scrive che la trattativa è tramontata, che Fioranelli sarebbe stato abbandonato da alcuni soci-imprenditori, chi addirittura sostiene che l'offerta dell'agente Fifa non ci sia mai stata. A noi risulta uno scenario diverso. Registriamo la sorpresa e l'insofferenza della cordata svizzera per quei contrattempi e ripensamenti che fanno saltare di continuo il banco. Intoppi, freni e dispetti (anche da parte dell'attuale proprietà, vedi il capitolo acquisti e rinnovi...) che però non hanno scalfito la determinazione dell'aspirante acquirente di portare a termine la trattativa. Nessun arretramento, quindi, e nessun abbandono da parte dei soggetti economici coinvolti, fanno sapere. Nessuna previsione certa sui tempi necessari a sbloccare la situazione. Ad oggi, non è corretto dire che Fioranelli si stia allontanando dalla Roma, quanto piuttosto che qualcuno starebbe cercando di tenerlo alla larga da Trigoria. Ma perchè? Chi sta mettendo i bastoni tra le ruote? Dopo i troppi silenzi di ieri, speriamo che oggi qualcuna delle parti in causa torni a parlare. Per fare chiarezza, una volta per tutte.

 

Riscattata la metà di Motta dall’Udinese

 

Marco Motta è stato riscattato per metà dalla Roma. La notizia che era nell’aria da giorni è stata resa pubblica oggi. Nelle casse dell'Udinese, club che lo aveva prelevato dal Torino, andranno quasi 3 milioni e 500 mila euro, cifra fissata già a gennaio, quando il club giallorosso acquistò in prestito il terzino destro tenendo per sè l'opzione per riscattare la metà del cartellino. Il giocatore, capitano dell’Under 21, sta ben figurando nel torneo Europeo che si sta svolgendo in Svezia e sicuramente sta crescendo, diventando uno dei pilastri della squadra di Pierluigi Casiraghi. Questi miglioramenti hanno spinto la società romana ha investire su di lui anche per la prossima stagione.

 

Agente Taddei: Interessa alla Fiorentina

 

Taddei piace alla Fiorentina. A confermarlo è Alessandro Lucci, agente del giocatore brasiliano: «Ai viola piace, ma anche la Roma lo considera un giocatore importante- ha spiegato a Radio Blu -. Di certo con la situazione che vive la società giallorossa, non è una trattativa che si possa sbloccare adesso». Poi il procuratore ha parlato anche Andrea Esposito, difensore del Lecce spesso acostato ai giallorossi. «Su Esposito c'è anche la Roma, ma al momento non c'è niente di definitivo - ha spiegato Lucci - Il Lecce vorrebbe 7 milioni ma è una cifra su cui si può lavorare, quel che conta è che ci sia però un interesse concreto. In comproprietà? Perchè no, non dev'essere per forza una cessione definitiva».

 

 

Shevchenko vuole tornare grande e pensa ai giallorossi

 

Quello di Shevchenko è un nome che viene accostato da qualche settimana al calciomercato della Roma. Ora l'ucraino torna a parlare e lo fa dalle pagine del Sun: «Sarò con il Chelsea nel ritiro precampionato dal 9 luglio, poi vedremo cosa accadrà». L'attaccante trentaduenne aggiunge «ho ancora un anno di contratto e intendo rispettarlo e onorarlo nel modo migliore possibile». L'ex giocatore del Milan vorrebbe vivere da protagonista il prossimo anno in Premiere League, ma si dice anche pronto a lasciare Londra se non fosse nei progetti dei Blues «Ci fossero concrete offerte ne discuterei insieme con il Chelsea. Se non ci fosse la possibilità di continuare la mia carriera qui a Londra guarderò le altre opzioni». Sulle voci che lo vedono vicino alla Roma risponde strizzando l'occhio alla squadra della capitale: «considero Luciano Spalletti un grande allenatore, serio e preparato. E' capace di tirare fuori il meglio dai suoi giocatori. Quando ci siamo incontrati c'è stato subito un buon feeling tra noi».

© Riproduzione Riservata.