BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IRAN/ Calciatori ribelli estromessi: la Fifa chiede chiarimenti

Pubblicazione:giovedì 25 giugno 2009

Karimi_R375_24giu009_phixr.jpg (Foto)

La Fifa ha chiesto alle autorità sportive di Teheran chiarimenti sulle sanzioni che sarebbero state applicate nei confronti di alcuni calciatori che, nel corso di una recente partita con la nazionale iraniana, sono scesi in campo con una fascia verde al braccio per sostenere Mir Hossein Mussavi, l'ex candidato alle presidenziali, uscito sconfitto dalla consultazione popolare che i suoi sostenitori giudicano viziata da brogli. I risultati ufficiali hanno infatti riconfermato alla presidenza della repubblica islamica l'ultraconservatore Mahmud Ahmadinejad. Il verde, il colore simbolo della campagna elettorale di Mussavi, è diventato il simbolo della protesta di quanti contestano i risultati delle elezioni del 12 giugno.

 

La Fifa ha contattato la Federcalcio iraniana per sapere se, come hanno scritto alcuni giornali, i calciatori Ali Karimi, ex Bayern Monaco, il capitano Mehdi Mahdavikia, che gioca nell’Eintracht Francoforte, il talento Hosein Kaabi e Vahid Hashemian, del Bochum, siano stati estromessi dalla squadra dopo il gesto di protesta in occasione della partita con la Corea del Sud del 17 giugno. In realtà i "ribelli" erano sei: hanno infatti portato la fascia in campo verde anche Masoud Shohjaei, autore del gol iraniano, e Javad Nekounam, entrambi dell'Osasuna.

 

 



© Riproduzione Riservata.