BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ As Roma, Milano Finanza: Fioranelli non molla ma Unicredit e Mediobanca lavorano a ipotesi diversa

Pubblicazione:lunedì 29 giugno 2009

unicredit_insegnaR375.jpg (Foto)

«Mentre sembra, per ora, tramontata l'ipotesi Fioranelli, Mediobanca e Unicredit sono pronte a risedersi attorno ad un tavolo per trovare una soluzione » in tempi brevi « per il destino della Roma». Lo scrive Milano Finanza. «Mediobanca come advisor della famiglia Sensi e Unicredit come azionista al 49% della holding di controllo del club giallorosso che vanta un ingente credito nei confronti dei Sensi. In queste ore- continua l'articolo- i due istituti di credito starebbero valutando le opzioni per uscire dall'impasse: da un lato esiste la possibilità di una firma sul mandato a vendere, da concedere alla stessa Mediobanca, per avviare la procedura di cessione del club attraverso un percorso trasparente e dettagliato.

Valutazione dell'asset, fissazione del prezzo, base d'asta e valutazione delle manifestazioni d'interesse. Dall'altra però è anche possibile che, per accelerare le procedure, si passi per una trattativa privata da condurre assieme ad un pretendente che al momento non è ancora venuto allo scoperto, ma che potrebbe essere presentato da Unicredit già nelle prossime ore. La banca di Piazza Cordusio ha avviato da mesi una serie di sondaggi tra possibili interessati alla As Roma e quelle che fino a poche settimane fa erano semplici manifestazioni d'interesse, ora potrebbero trasformarsi in vere e proprie trattative.

 

Top secret per ora sia la nazionalità che il nome del nuovo pretendente. Nel frattempo Vinicio Fioranelli continua a non darsi per vinto, soprattutto dopo mesi di trattative e di investimenti di tempo e denaro su questa opzione Roma. L'agente Fifa resta convinto di poter ancora presentare 'i dettaglì che mancano alla sua offerta già in queste ore. A quel punto il tavolo con Mediobanca e la famiglia Sensi potrebbe essere nuovamente riaperto».



© Riproduzione Riservata.