BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, Felipe Melo, il colpo che ci voleva. Ora Santacroce o Caceres

Con l'ex Viola la spina dorsale della Juve diventa tutta brasiliana. Ma il calciomercato potrebbe non essere finito...

ferrara_R375x255_3giu09.jpg (Foto)

Il colpo perfetto. Con l’arrivo di Felipe Melo la Juventus colma il gap che la separa dall’Inter. Ferrara in cuor suo nel corso della presentazione ufficiale si aspettava che trattativa con la Fiorentina andasse a buon fine. Così è stato. Il brasiliano forse si poteva acquistare prima della Confederations Cup perché il prezzo del cartellino sarebbe stato inferiore? Non importa. Con Felipe Melo, Diego e Amauri la Juventus crea un asse tutto brasiliano, una rarità in casa bianconera. Sono comunque tre brasiliani “atipici” perché uniscono al palleggio una grande dote: la concretezza. Adesso la gestione tocca a Ferrara. Sembra ipotizzabile un centrocampo a tre con Felipe Melo, Sissoko e Marchisio.

In questi giorni il tecnico cercherà di convincere Camoranesi ad accettare di fare l’interno di centrocampo, un po’ come spesso ha fatto in maglia azzurra. L’italo-argentino, che ha qualità da vendere, potrebbe ritagliarsi un posto nella linea dei centrocampisti. Non dimentichiamo che in rosa ci sono anche giocatori affidabili come Cristiano Zanetti e Salihamidzic. Due fra Poulsen, Tiago e Almiron saluteranno, invece, Torino. Si cerca un prestito (Siena o Livorno) per Ekdal.

Alle spalle delle due punte il designato è Diego. Saranno due le punte per il fatto che soprattutto nei primi mesi lo staff tecnico è sicuro di avere un Del Piero in super forma: ha iniziato prima la preparazione personale e anche nella passata stagione ha dimostrato di fare i primi mesi in maniera stellare. Accanto al numero 10 inizialmente la staffetta sarà tra Amauri e Iaquinta. E Trezeguet? Apparentemente il nuovo modulo (4-3-2-1) lo penalizza perché non sviluppa il gioco sulle fasce laterali (i fluidificanti Zebina e De Ceglie partono dalla linea dei difensori e non possono sempre arrivare sul fondo). La dirigenza potrebbe optare per l’acquisto di una nuova seconda punta: Giovinco, infatti, predilige giostrare dietro le punte. A destra la Juve, quasi costretta a cedere Grygera, è tentata dall’idea Santacroce, anche se nelle ultime ore si è fatta avanti per l’uruguagio Caceres (22 anni). L’unico appunto che si può fare alla dirigenza è quello – sulla scia dell’Inter - di non aver cercato di investire su alcuni giovani italiani. L’obiettivo, però, è quello di essere subito vincenti.


(Luciano Zanardini)

© Riproduzione Riservata.