BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, Felipe Melo avverte: non sono un mercenario

Il brasiliano si ribella alle accuse che gli sono piovute addosso dai tifosi viola dopo il suo passaggio in bianconero

Felipe_Melo_naz_R375_6lug09.jpg (Foto)

«La rivalità tra Fiorentina e Juventus è molto forte, ma io sono un professionista. C'è molta gente che mi definisce un mercenario, ma non è così. È stata stabilita una clausola e la Juventus è venuta a pagarla». Felipe Melo non ci sta e ha deciso di convocare una conferenza stampa a Rio de Janeiro, ripresa da Sport Tv e rilanciata poi anche dal sito 'Globoesportè, per spiegare i retroscena di calciomercato del suo trasferimento in bianconero.

«L'offerta era troppo buona per la Fiorentina, che mi ha acquistato per 8 milioni di euro - ha detto ancora il centrocampista -. Era senza dubbio una buona opportunità anche per me, ma lo è stata soprattutto per la società viola, come ammesso dal suo presidente. Alcuni tifosi non riescono a capire come sia possibile lasciare un club dopo un solo anno e andare alla più grande rivale. Ma sono sicuro che la maggior parte di loro apprezzino il contributo che ho dato alla Fiorentina, dove, insieme con i miei compagni, abbiamo portato la squadra di Champions League». «Il fatto è - ha aggiunto - che un giocatore della nazionale brasiliana punta sempre a vincere il maggior numero di titoli. Io ho cominciato adesso (con la Conferations Cup n.d.r.) ma ora giocando nella Juve avrò più possibilità di ampliare il mio palmares».

Ma adesso cosa succederà quando tornerà a Firenze da juventino? «Vedremo quando giocherò a Firenze - è stata la risposta di Melo -. Io prima della partita batterò le mani al pubblico viola, ma se dovessi essere fischiato, come avvenuto in passato per gente come Roberto Baggio e Chiellini, non farò altro che concentrarmi ancor di più per dare il mio contributo alla vittoria della Juventus». L'ex viola ha poi annunciato che domani sarà al Maracanà per assistere al derby di Rio tra il Flamengo, squadra in cui ha giocato e di cui è un grande tifoso, ed il Botafogo. Un suo arrivo a Pinzolo è possibile solo intorno alla metà di settimana prossima.

© Riproduzione Riservata.