BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, trattative al 13 agosto. De Silvestri è derby con il Milan. Ipotesi Rafinha e Clerc

Tutte le notizie di calciomercato della Juventus aggiornate a ieri

CALCIOMERCATO JUVENTUS – La Vecchia Signora continua a scandagliare il mercato in cerca di un ultimo rinforzo in difesa. Nel mirino, un terzino destro di spinta, che possa supportare la squadra nel gioco offensivo. Tutto potrebbe essere sbloccato dall’eventuale partenza di Grygera. Il nazionale ceco ha ricevuto un’interessante offerta dal Fenerbahce e l’operazione potrebbe concretizzarsi a breve. La Juventus dovrebbe ricavare dalla sua cessione circa 5 milioni di euro, soldi che verrebbero subito re-immessi sul mercato. Il nome nuovo del calciomercato bianconero che si legge sulle pagine di Tuttosport è quello di Lorenzo De Silvestri, scontento di casa Lazio che piace tanto anche al Milan. Un'ipotesi che più di una settimana fa aveva avanzato anche ilsussidiario.net. Sempre in stand-by, invece, le due alternative Rafinha e Clerc. Il primo è il terzino di spinta dello Schalke 04, molto amico di Diego, mentre il secondo gioca nel Lione e dovrebbe lasciare a breve gli ex-campioni di Francia.

CALCIOMERCATO JUVENTUS – Il Centrocampista della Juventus, il campione del Mondo Mauro German Camoranesi, ha voluto commentare le cessioni di Marchionni e Zanetti, giocatori finiti entrambi fra le fila dei Viola: «Ha ragione mister Ferrara – le parole del giocatore - inutile tenere compagni in squadra che non fossero motivati. La Juventus ha sempre dimostrato di fare la differenza con gli avversari attraverso la fame che mette in campo, maggiore rispetto a chiunque. Se Zanetti non voleva restare, è stato giusto, soprattutto per lui, dargli la possibilità di essere accontentato». Camoranesi ha quindi concluso: «Credo che Marchionni e Cristiano Zanetti, amici prima ancora che colleghi, cercassero nuove motivazioni e nuovi stimoli. Zanetti conosce bene la piazza, Marchionni il tecnico Prandelli. Lo dico da avversario, ma reputo tutti e due elementi perfetti per l’allenatore della Fiorentina, che saprà plasmarli e gestirli a seconda delle situazioni».

© Riproduzione Riservata.