BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CALCIOMERCATO/ Napoli, De Laurentiis: è pace con Lavezzi!

Pubblicazione:sabato 22 agosto 2009

DeLaurentiis_R375_20ott08.jpg (Foto)

CALCIOMERCATO NAPOLI - Aurelio de Laurentiis freme da Los Angeles, dove si trova per lavoro. Non potrà essere a Palermo per la prima del suo nuovo Napoli e non potrà vedere all’opera alcuni dei nuovi giocatori arrivati nell’ultima sessione di calciomercato. Sta cercando in tv un canale che trasmette la partita, certo che «sarebbe incredibile se non la trasmettessero in diretta: l`America è piena di napoletani e palermitani».

 

Il patron azzurro si confessa oggi al quotidiano il Mattino. Chiudendo definitivamente il caso Lavezzi che ha tenuto banco per buona parte dell’estate. «Lavezzi è un ottimo atleta e un ottimo calciatore. Ma a Napoli si tende a creare il mito, invece mitica dev`essere la squadra. Non dev`essere un solo giocatore a risolvere i problemi della partita. Il Napoli può avere molti idoli: Quagliarella, Hoffer, Maggio, Gargano, Bogliacino, quei fortissimi difensori... Lavezzi, sereno e amalgamato con questo gruppo, si metterà al servizio del Napoli e lo renderà competitivo. Gli investimenti sul mercato consentiranno al giocatore di fare meglio rispetto all`ultimo semestre dello scorso campionato e di essere un vero campione al servizio della squadra».

 

Non può mancare un commento sugli sforzi economici che il patron azzurro ha fatto con molte e dispendiose operazioni di calciomercato in entrata. «Ho cambiato allenatore e ho creduto in lui. Dovevo dare a Donadoni una risposta sul piano degli investimenti e gli ho affidato giocatori più che interessanti. Mi aspetto che amalgami e faccia crescere il gruppo e soprattutto che trasmetta ai calciatori, che sono atleti e professionisti, un concetto: devono essere e sentirsi tutti utili. In questo senso non transigo. Non tollererò gelosie da spogliatoio: chi si lamenta perché gioca un tempo o perché non gioca proprio. Questi sono discorsi distruttivi soprattutto per i diretti interessati. Ci vuole rispetto dei ruoli e delle decisioni del tecnico: sarò fermo e deciso nell`allontanare i giocatori che non vogliono sposare questa filosofia».

 

Parole chiare a poche ore dall’inizio della nuova stagione. Sperando soprattutto che a Los Angeles qualcuno trasmetta la partita…



© Riproduzione Riservata.