BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Roma, trattative al 27 agosto. Domizzi vicino, Baptista resta, ipotesi Arnautovic

Tutte le notizie di calciomercato della Roma aggiornate a ieri

CALCIOMERCATO ROMA - Baptista resta, Domizzi potrebbe arrivare. A confermare che il brasiliano non si muoverà, oltre agli sviluppi sull'affare Sneijder è l'agente del giocatore, herminio Menendez: «Non so se Roma e Inter si siano incontrate oggi - ha spiegato a calciomercato.it -, la cosa sicura è che oggi io non ho parlato con nessuno dell'Inter. Io non sono in Italia, in questo momento mi trovo a Madrid. Ci tengo a ribadire che Julio è felicissimo alla Roma, tutto dipende dal club giallorosso». Capitolo Domizzi: la trattativa c'è ma è ancora acerba, per arrivare a una fumata bianca ci sarà ancora molto lavoro da fare: «Non è una situazione avanzata. Roma e Udinese si sono incontrate nel pomeriggio di ieri in Lega - ha spiegato Danilo Caravello, il suo procuratore a romagiallorossa.com -. C'è stato un pour parler, niente di più. Siamo ancora in una fase embrionale. Si tratta di un interessamento e le più informate sono le società. Voglio specificare, però, che Maurizio si trova benissimo ad Udine. Qualora ci fossero i presupposti per il trasferimento la formula più giusta sarà quella del prestito con diritto di riscatto. Non credo che la Roma possa concludere operazioni definitive».

Luciano Spalletti, nella conferenza stampa pre Kosice, ha parlato anche di calciomercato. «Deluso dal mercato? Noi ci autogestiamo e questo significa stare dietro alle nostre possibilità. Poi se capitano dei colpi di mercato o qualche società ti chiede qualcuno di cui puoi fare a meno, bene». Spalletti qualche tempo fa aveva invocato un ringovanimento della rosa: «Lo abbiamo fatto. Cerci, Guberti, Okaka, Andreolli, Motta, io credo che sia stato fatto». Poil tecnico ha parlato di Domizzi, uno dei tanti nomi accostati ai giallorossi in questi giorni: «E' un giocatore di categoria come ce ne sono altri. Di nomi ne abbiamo fatti diversi il confronto però va fatto sempre sulle potenzialità e sui conti. E così rimane una Roma forte e proverò ad essere più convincente». Un altro nome è quello di Fred: «Non abbiamo soldi da spendere come si sa. Perciò ci deve essere un qualcosa che fa tornare i bilanci (una cessione, ndr) e la vedo difficile al momento. Secondo me si può sopperire lo stesso. Fred dà un qualcosa e toglie un qualcosa».

© Riproduzione Riservata.