BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Inter, trattative al 28 agosto. Ecco Sneijder ma per Simoni non è essenziale

Le trattative di calciomercato dei nerazzurri

CALCIOMERCATO INTER

Sneijder è pronto per il debutto al derby

Wesley Sneijder potrebbe debuttare già sabato sera nel derby di Milano? Sembra una possibilità non tanto remota e anzi il tecnico Josè Mourinho potrebbe schierarlo già dal primo minuto, dopo appena 72 ore dalla chiusura della trattativa di calciomercato. L’olandese è sbarcato nel tardo pomeriggio a Milano e dovrà sottoporsi alle consuete visite mediche. Se i tempi saranno rapidissimi ecco che il giocatore domani potrà raggiungere la Pinetina e allenarsi con i nuovi compagni, giocandosi così un posto da titolare. «Se riesce a fare tutti i test e ad allenarsi domani – dice il tecnico portoghese - può diventare un'opzione e ovviamente sarà convocato. «Sono felice di essere qui» dice l’olandese che in mattinata attraverso le colonne del quotidiano spagnolo Marca aveva espresso tutto il suo disappunto per come era stato trattato dal Real. «Me ne vado a testa alta. Mi hanno trattato male, ma preferisco non parlarne. Ciò che è successo è bizzarro - continua il neo giocatore nerazzurro - Il coach Pellegrini mi ha detto che contava su di me, ma poi ci sono state altre persone nel club per le quali non contavo più». Sneijderpassa all'Inter per 16 milioni di euro e con un contratto che lo lega ai nerazzurri per i prossimi cinque anni a 4 milioni a stagione. L'ex Real è comunque contento della scelta professionale fatta. «Vado in un grande club, non ci sono dubbi. Sono stato bene al Real, non posso negarlo. Mi dispiace partire, ma è la vita. Ora sono contento».

 

 

Simoni: Ma Sneijder serve veramente?

In esclusiva a Ilsussidiario.net Gigi Simoni, ex tecnico nerazzurro nel periodo 1997-99. L’allenatore bolognese ha commentato l’arrivo di Sneijder e pronosticato derby e campionato.

 

Simoni, ci può dare un suo parere sul nuovo arrivato di casa Inter, Wesley Sneijder?

E’ un ottimo giocatore anche se non rientra nella sfera delle superstar, dei campionissimi. È comunque un grande calciatore in particolare in fase realizzativa.

 

Era davvero necessario il suo acquisto?

L’Inter era già fortissima così. Ha comprato giocatori del calibro di Eto’o, Milito, Motta ed aveva un organico già molto forte. Non vedevo la necessità impellente di questo nuovo acquisto ma all’Inter sembra sempre che manchi qualcosa quindi…

 

Mourinho come lo farà giocare?

Penso che Mourinho lo schiererà dietro le punte, senza necessità di “sacrificare” Stankovic nel ruolo di trequartista. 4-3-1-2? Probabile, anche se bisognerebbe entrare nella testa dell’allenatore per capire bene in che ruolo giocherà Sneijder.

 

C’è già possibilità di vedere Sneijder nel derby?

Mi sembra un po’ un azzardo. Prima bisogna valutare le sue condizioni fisiche. I nuovi arrivati, inoltre, necessitano sempre di un tempo di inserimento per capire anche cosa possono dare alla squadra e cosa l’allenatore chiede a loro.

 

È l’uomo giusto x l’Inter o serviva altro?

I vari Deco, Van der Vaart, Sneijder, son tutti giocatori che bene o male si equivalgono, tutti trequartisti che possono adempiere perfettamente al loro compito. Sono tutti buoni giocatori dello stesso valore.

 

Sabato c’è il derby, come finirà?

Il derby è sempre una gara molto aperta che esula da qualsiasi pronostico. In questo momento si parla di un Inter quasi in crisi, per via del pareggio col Bari, e di un Milan favorito, ma son tutti discorsi che lasciano il tempo che trovano. Il derby quest’anno arriva presto e le due squadre non hanno ancora trovato i giusti automatismi.

 

L’Inter è ancora la squadra più forte?

Si, l’Inter è ancora la squadra da battere. Ha l’organico migliore, più forte e completo. È vero anche che chi è forte sulla carta poi potrebbe non vincere, ma l’Inter è sicuramente la favorita per lo scudetto 2009/2010. Al secondo posto vi è la Juventus, visto che ha cambiato poco rispetto allo scorso anno. I nuovi acquisti sono stati degli innesti mirati ma la base della squadra è identica a quella della scorsa stagione. Infine il Milan, che è fra le tre quella che forse ha cambiato di più.

© Riproduzione Riservata.