BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOMERCATO/ Juventus, trattative al 29 agosto. Grosso, tutto bloccato. Mexes per il 2010?

Le trattative di calciomercato della Juventus

CALCIOMERCATO JUVENTUS

Grosso trattativa bloccata

Nulla di fatto: al momento Grosso rimane al Lione. Il lungo incontro tra Alessio Secco e il presidente del Lione Jean Michel Aulas. Una trattativa che era cominciata già nella notte e si è conclusa nelle scorse ore quando Alessio Secco è ritornato in Italia. Al momento sembra tutto rimandato a lunedì, ultimo giorno di calciomercato. La distanza è tra le richieste dei francesi e l'offerta bianconera. Aulas pretenderebbe 4,5 milioni di euro mentre Secco offrirebbe meno della metà. Il giocatore vuole assolutamente tornare in Italia ed una grossa mano in questo senso la sta dando il tecnico Ciro Ferrara, che imitando Mourinho con Sneijder, sta tempestando di sms l’ex-Inter. Si continuerà a trattare e tutto si deciderà nelle ultime ore di calciomercato. Ma l'impressione è che l'ex terzino dell'Inter rimarrà in Ligue1 anche la prossima stagione.

Juventus, clamorosa ipotesi Mexes per il 2010

Oltre a perfezione le ultime manovre in entrata, Grosso e Rafinha su tutte, la Juventus pensa già al calciomercato 2010. Secondo quanto riporta Tuttosport, infatti, il club bianconero guarda alla Roma per il mercato del prossimo anno a precisamente a Philippe Mexes. Il club giallorosso difficilmente migliorerà di gran lunga la propria situazione economico-finanziaria, e la prossima stagione, potrebbe essere costretto a cedere un altro suo big. Con De Rossi e Totti incedibili, e con un Aquilani ormai a Liverpool, tutti gli indizi portano a Mexes. Il centrale di difesa francese è da tempo nelle mira dei bianconeri che puntano al definitivo salto di qualità difensivo, iniziato quest’anno con il ritorno di Cannavaro. 15 milioni di euro è la cifra messa sul piatto dalla Vecchia Signora. Il francese ha detto di voler rimanere a Roma ma gli scenari, nel calciomercato, mutano in un batter d’occhio.

© Riproduzione Riservata.