BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Napoli, trattative all'8 agosto. Gargano è caos, colpa di Marino? Zalayeta vicino al Penarol

Tutte le notizie di calciomercato del Napoli aggiornate a ieri

CALCIOMERCATO NAPOLI – Prima il caso Lavezzi, che accusava la societàl di non aver mantenuto le promesse date. Poi, come un fulmine a ciel sereno, ecco la grana Walter Gargano. Due diverse storie ma un unico comune denominatore: il mancato aggiustamento dell’ingaggio. Perché sembra che anche al sudamericano fosse stato promesso un ritocco che poi non è arrivato. E chi non avrebbe mantenuto i patti? Pierpaolo Marino. E oggi a Radio Kiss Kiss Napoli Mimmo Malfitano, giornalista della Gazzetta dello Sport ,ha spiegato la sua ipotesi e la situazione in casa Napoli. In mattinata sulla rosea aveva spiegato che le uscite di De Laurentiis avevano una logica: il presidente era stufo di spendere tanto e non vedere risultati. E sul banco degli imputati, oltre a Roberto Donadoni, è finito soprattutto Pierpaolo Marino. «Adesso viene fuori la storia di Gargano, il direttore probabilmente ha fatto promesse anche a lui, a me risultava Lavezzi. Ma è possibile che in questo Napoli hanno sempre tutti torto tranne una persona? De Laurentiis, in realtà, sta valutando attentamente la posizione dei suoi collaboratori e in ultimo il collaboratore è unico e risponde al nome di Pierpaolo Marino. Vedo segnali di insofferenza del presidente e la voglia di voler sovraintendere e restituire a ciascuno il proprio ruolo, per tenere il controllo del Napoli. Marino – continua Malfitano - ha portato il Napoli in A, ma non è che ha fatto queste imprese. Il Napoli ha speso in quegli anni una barca di soldi ed oggi ci troviamo ancora sotto contratto gente di quegli anni. Al momento si può parlare di un Napoli ancora incompleto ma sicuramente dalla qualità superiore rispetto a quella dello scorso anno. Non abbiamo un attaccante da venti gol, non abbiamo una punta di peso, però, abbiamo Quagliarella e Lavezzi» ha concluso.

CALCIOMERCATO NAPOLI - Non è un buon momento per i sudamericani del Napoli. Prima Lavezzi al centro di una diatriba con il presidente De Laurentiis, ora è il turno di Walter Gargano, centrocampista uruguagio. Il nodo è l'ingaggio del giocatore: 450 mila euro all'anno fino al 2013. Troppo poco per uno dei giocatori più importanti del club partenopeo, che guadagna meno di molti titolari e di qualche riserva. Per questo il ragazzo vuole andare via: "Non mi stimano qui, è meglio per loro che mi cedano altrimenti troveranno un giocatore a pezzi" ha confidato al suo manager il giocatore, come rivelato dal Corriere dello Sport. Ma la società azzurra non ne vuole sapere di una sua cessione, rifiutando una proposta da 8 milioni di euro della Fiorentina, che aveva mandato su tutte le furie il presidente De Laurentiis.

CALCIOMERCATO NAPOLI - Potrebbe presto concludersi l'avventura in Italia ed in Europa del "Panterone" Marcelo Zalayeta. Il giocatore uruguagio, in comproprietà tra Napoli e Juventus, è attualmente in patria e si sta allenando con il Penarol. La volontà della società sudamericana è di tesserare il centravanti a titolo definitivo, affare che sicuramente non vedrebbe opposte le due società. Ma il nodo principale è l'ingaggio del calciatore, come spiega il sito napolipress.com. Se il bomber ex Siviglia dovesse abbassare le proprie pretese economiche l'affare potrebbe decollare nei prossimi giorni, intanto il club uruguaiano continua a parlare con l'entourage del calciatore.

© Riproduzione Riservata.