BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

L'Inter risponde con Eto'o e Milito. Le pagelle dei nerazzurri (Inter-Parma 2-0)

Pubblicazione:domenica 13 settembre 2009

etoo_gioia_R375x255_13set09.jpg (Foto)

INTER-PARMA 2-0 (Primo tempo 0-0)

 

RETI: Eto'o al 26', Milito al 44' s.t..

 

INTER (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Santon; Zanetti, Vieira (25'st Muntari), T.Motta (1'st Balotelli); Sneijder (33'st Khrin); Milito, Eto'o. In panchina: Toldo, Cordoba, Quaresma, Suazo. Allenatore: Mourinho.

 

PARMA (4-1-3-2): Mirante; Zenoni, Paci, Panucci, Lucarelli; Zaccardo (31'st Amoruso); Mariga, Morrone, Galloppa (10'st Lanzafame); Biabiany, Paloschi (35'st Bojinov). In panchina: Pavarini, Castellini, Dellafiore, Dzemaili. Allenatore: Guidolin.

 

ARBITRO: Rosetti di Torino.

 

NOTE: giornata calda, terreno in discrete condizioni, spettatori 45.000 circa. Angoli 5-4 per il Parma. Ammoniti Vieira, Galloppa, T.Motta. Recupero: 2'; 4'.

Julio Cesar 6: normale amministrazione del portierone nerazzurro, l'unico brivido arriva da un appoggio maldestro di Samuel

 

Maicon 5,5: l'infortunio d'inizio partita ha sicuramente frenato il terzino brasiliano, reduce dal doppio impegno con la sua Nazionale. Non irresistibile come al solito, poca precisione nei cross

 

Lucio 6,5: pulito negli interventi sui giocatori del Parma, si lascia andare a qualche sgroppata di troppo, più concentrato del suo compagno di reparto

 

Samuel 6: nessun errore in particolare, ma qualche leggerezza nei disimpegni, deve ancora trovare la migliore condizione

 

Santon 6,5: novanta minuti in risposta alle dichiarazioni di Cannavaro, il giovane talento nerazzurro è attento in fase difensiva (prodigioso il recupero su Biabany) ed è presente in quella offensiva

 

Thiago Motta 5: l'ex genoano non ripete la stupenda prova nel derby, complice qualche problema fisico, giustamente sostituito ad inizio ripresa

 

Vieira 6,5: quando è in forma dimostra di essere un grande centrocampista, imposta e riparte come ai tempi dell'Arsenal

 

Zanetti 7: motorino inesauribile del centrocampo nerazzurro, dimostra come l'età anagrafica possa essere "battuta" dalla grande professionalità

 

Sneijder 6,5: gioca tanti palloni non sprecandone neanche uno. Nonostante l'infortunio subito in Nazionale qualche giorno fa, resta in campo per circa ottanta minuti, correndo e impostando la manovra.

 

Milito 6,5: non ha giocato una grande gara, dimostrando di non aver "digerito" i viaggi oltre oceano per rispondere alla chiamata della sua Argentina. Il goal nel finale, da grande centravanti, premia la sua buona volontà

 

Eto'o 7,5: tira fuori dal cilindro un goal da cineteca importante per sbloccare il match, facendo andare in visibilio tutti i tifosi interisti. E mercoledì c'è la sfida contro la sua ex squadra, il Barcellona dell'ex idolo nerazzurro Ibrahimovic

 

Balotelli 7: meriterebbe qualcosa in più per l'ottimo impatto nella partita, con giocate da grande campione. Ma nel finale si mangia una rete clamorosa a "tu per tu" con Mirante a causa della poca concretezza.

 

Muntari 6: più pulito del solito, entra per tamponare gli inserimenti dei centrocampisti ducali;

 

Khrin 6,5: ottima personalità del ragazzino che entra subito in campo e si piazza al centro della mediana, contrastando in maniera efficace gli avversari, da tenere d'occhio.

 

All. Mourinho 6,5: a San Siro le cosiddette "piccole" si chiudono nel loro forzino. L'allenatore portoghese ha indovinato il cambio di Balotelli, che ha portato più vivacità all'attacco nerazzurro.

 

(Claudio Ruggieri)



© Riproduzione Riservata.