BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ROMA/ De Rossi insultato scoppia a piangere a fine gara

Il centrocampista giallorosso è stato vittima di cori macabri nel finale della gara contro i toscani

derossi_R375_25set08.jpg(Foto)

Un coro macabro ha colpito nel finale della gara vinta dalla Roma contro il Siena Daniele De Rossi. I tifosi bianconeri hanno infatti cantanto il coro «dov'è il suocero, dov'è il suocero», con il chiaro riferimento a Massimo Pisnoli, l’ex suocero di De Rossi, morto tragicamente lo scorso agosto ad Aprilia. L’uomo era stato ammazzato a fucilate forse per un regolamento di conti tra bande criminali.

De Rossi al fischio finale è corso verso la curva toscana, ma è stato trattenuto a forza dai compagni che lo hanno consolato e lo hanno portato negli spogliatoi. Il centrocampista della Roma è scoppiato in un pianto, coprendosi il volto con la maglietta. I motivi dell’ignobile coro vanno ricercati in un paio di episodi che hanno visto per protagonista il giocatore della Nazionale durante gare contro i senesi. Il primo è l’infortunio a Ardito durante una gara di Coppa Italia 2004/2005 all'Olimpico. Altro episodio il 17 settembre 2006, quando Brevi venne espulso per un colpo a De Rossi, che pare avesse accentuato le conseguenze. Episodi che certo non giustificano un coro macabro come quello sentito oggi a Siena.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
13/09/2009 - De Rossi medita! (Bruce Hudelhofen)

Macabro o meno, De Rossi tragga i dovuti insegnamenti da quelle che è successo oggi. Lui è Totti provocano per 90 minuti e fanno sempre falli ignobili degni del peggior burino di periferia col solo scopo di azzopare il giocatore avversario. Chi semina vento raccoglie tempesta.