BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NAPOLI/ Donadoni dopo la sconfitta col Genoa: «Colpa nostra ma l’errore dell’arbitro ci rode!»

Il tecnico dei partenopei analizza la bruciante sconfitta per 4 a 1 contro gli amici genoani

Donadoni_R375_13dic08.jpg (Foto)

NAPOLI – E’ un Donadoni alterato quello del post-partita Genoa-Napoli. Il tecnico degli azzurri ha speso parole pesante contro l’arbitro ma soprattutto contro i suoi giocatori, rei di commettere spesso errori di ingenuità. «Sul primo rigore del Genoa, Tagliavento ha invertito la decisione – spiega il tecnico dei campani - eravamo in vantaggio di un gol e con un uomo in più, e questo ci rode. Non voglio parlare dell'operato dell'arbitro – ha proseguito - e non vogliamo accusare il direttore di gara: abbiamo perso per nostro demerito. Ora testa bassa e lavorare. Sono dispiaciuto soprattutto per i ragazzi, anche pensando alle diverse occasioni che potevamo sfruttare meglio. Invece tutto è andato per il peggio».

Un Napoli che si è tirato la zappa sui piedi: «L’ingenuità è il nostro limite e dobbiamo migliorare – continua - dobbiamo rivedere cose che non vanno. Non possiamo concedere. Dobbiamo fare mea culpa. Abbiamo preso gol ancora su disattenzione nostra. Da lì in poi ci siamo persi. Le cose non capitano mai per caso. Ci abbiamo messo del nostro. Il 4-1 ci brucia». Infine un commento sull’esclusione di Lavezzi: «Parte della Rosa è stata impegnata nei giorni scorsi in altre partite – conclude Donadoni - i giocatori che ho in rosa sono 24 e, in determinate condizioni, si deve prendere in considerazione il lavoro svolto da tutti».

© Riproduzione Riservata.