BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MILAN/ Galliani preoccupato: «In Italia ripetitività di cattivi risultati e la Germania si avvicina…»

Pubblicazione:

galliani_bolognaR375_31ago08.jpg

MILAN – Adriano Galliani lancia l’allarme. Arrivato in Lega Calcio a Milano per assistere all’assemblea generale, l’ad rossonero si è mostrato preoccupato per la mancanza dei risultati delle italiane nelle coppe: «Alla luce di risultati di ieri sera in Europa League – spiega Galliani - siamo vicinissimi a perdere il terzo posto, abbiamo solo due punti di vantaggio sulla Germania e nel 2011-12 forse ancora lo teniamo ma sarà quasi impossibile mantenere le quattro l'anno successivo».

 

«Questo vorrebbe dire un danno di alcune decine di milioni di euro per il calcio italiano – ha proseguito il numero due rossonero - a governo eletto della Lega la prima cosa che farò sarà attirare l'attenzione di tutte le società su questo fenomeno, soprattutto per l'Europa League che conta poca meno della Champions. Per fortuna che hanno perso anche alcune squadre tedesche. Io sto monitorando molto questa situazione: mentre in campionato ognuno fa i propri interessi, nelle coppe europee ogni società gioca per se e per le altre italiane. Questo è un altro dei grandi problemi come quello degli stadi, nessuno lo capisce e poi fra un po' anche i media si accorgeranno che avremo perso la quarta squadra».

 

Galliani parla anche dei possibili rimedi: «Proporrò che una parte dei soldi della Lega vadano a chi fa punti in Europa League, insomma qualche idea ce l'ho – conclude l’ad del Milan - comunque dobbiamo fare qualcosa perchè questo è il problema del calcio italiano, c'è una ripetitività di cattivi risultati che non si registra negli altri Paesi. Non mi permetto di mettere in dubbio l'impegno di nessuno, però credo di avere il dovere di sollevare questo problema. Stiamo tutti attenti a non mettere la testa sotto la sabbia perché poi usciamo dalla Champions. Alla soluzione, nell'interesse del calcio italiano ci sto pensando, poi vediamo».



© Riproduzione Riservata.