BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA/ Pierluigi Pardo racconta Cassano: «Ha ritrovato la serenità e l'ambiente giusto»

Pubblicazione:martedì 22 settembre 2009

Cassano_R375_22set09.jpg (Foto)

 

Sì, anche questo è vero. Cassano in questi due anni ha ricominciato da capo, ha trovato l'equlibrio. Ha lavorato molto su se stesso: è meno impulsivo, riesce a contare fino a dieci prima di parlare, si è tranquillizzato, ha capito che per essere un grande giocatore bisogna allenarsi bene. Inoltre, molti non lo sanno, ma lui è un "salutista", è un atleta vero, non fuma, non beve. Insomma, non stiamo parlando di un "cattivo", ma di uno che si è comportato da "Giamburrasca" e che adesso ha saputo limare alcuni suoi aspetti caratteriali. Cassano, per intenderci, non è mai stato trovato a fare risse nei pub come è capitato a Rooney o a Gerrard...  

 

Con Totti ci sono stati problemi nel periodo romano?

Qui parliamo della preistoria (ride, ndr.). Ci sono state incomprensioni, Cassano non ha nulla contro Totti, anzi, lui ricorda con grande affetto il capitano giallorosso e la sua famiglia per averlo aiutato agli inizi dell'avventura romana. Anche questo è un esempio della maturità di Cassano: ha fatto un'analisi sul suo comportamento passato, capendo gli errori.  

 

Sei d'accordo con chi crede che Cassano farebbe meglio a rimanere in blucerchiato, o pensi che dovrebbe provare un'altra avventura in una grande società?  

In questi mesi si è parlato spesso di mercato, ma anche in qesto caso lui ha dimostrato molta serenità. L'ipotesi più realistica è stata quella legata alla Juventus, mentre per quanto riguarda l'Inter si trattava solo di attestati di stima da parte di Moratti e Mourinho. A lui sicuramente avrà fatto piacere l'interesse delle grandi squadre, ma ha sempre dichiarato di stare bene a Genova, lo ha detto più volte pubblicamente.  

 

Sai di essere uno dei giornalisti più conosciuti tra i giovani, non solo per  il tuo lavoro  a Sky, ma anche perché presti la voce alle telecronache di "Pro Evolution Soccer 2009", cosa ci dici?  

Che questo mi fa molto piacere anche perché, oltre ad essere telecronista, sono anche un giocatore. A 35 anni gioco tranquillamente alla Play Station!  

 

(Claudio Ruggieri)  



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.