BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Milan, quanti rimpianti dal mercato estivo: Luis Fabiano, Dzeko, Gomez, Drogba e Keirrison

Sono molti i rimpianti di casa rossonera derivanti dal calciomercato estivo

Luis_Fabiano_R375_9lug09.jpg (Foto)

CALCIOMERCATO MILAN – Alla luce dello scarso rendimento offensivo del Milan, tre reti in 5 gare di cui una di Seedorf, aumentano i rimpianti derivanti dal calciomercato estivo. Troppi infatti gli affari sfumati per vari motivi, sia per mancanza di liquidità ma forse anche per uno scarso convincimento.

In cima alla lista vi è senza dubbio il brasiliano del Siviglia Luis Fabiano. L’attaccante è stato vicinissimo ad indossare la casacca rossonera ma il Milan preferì poi virare su Huntelaar per una questione di anagrafe. L’attaccante della Selecao sta però continuando a segnare nella Liga, 2 reti in tre partite, e soprattutto, non manca mai agli appuntamenti importanti con la maglia verdeoro. Il secondo in lista è Edin Dzeko. L’attaccante bosniaco ha fatto “sfracelli” la scorsa stagione mettendo a segno 26 reti in 32 partite e quella attuale è iniziata con il piede giusto, viste le 3 marcature in 6 gare. La sensazione è che il Milan avrebbe potuto fare di più ma i noti “impedimenti” monetari hanno bloccato sul nascere l’operazione.

Vi è poi il giovane brasiliano Keirrison. Leonardo ha provato a mandare segnali alla propria dirigenza, esaltando in pubblico le doti dell’attaccante in prestito al Benfica. A nulla sono però valsi gli sforzi del tecnico rossonero ed ora il Barcellona, per un pugno di euro, si ritrova in squadra uno dei più forti talenti verdeoro. Infine facciamo i nomi di Mario Gomez e Didier Drogba. Entrambi gli attaccanti sono da un paio di stagioni accostati al Milan. Il primo sembrava un “bidone” ma nel Bayern sta dimostrando di essere all’altezza di una grande, mentre il secondo è sempre stato vicino ai rossoneri ma non si è mai capito il perché del mancato arrivo. Misteri a cui nessuno riuscirà a dare una risposta intanto l’attacco del Milan affonda.

© Riproduzione Riservata.