BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA NAZIONALE/ Pizzul: «Non convocare Cassano è una piccola bestemmia...»

Pubblicazione:

Pizzul_R375_4set09.JPG

Con la Nazionale di Lippi che si appresta ad affrontare le due partite di qualificazione ai Mondiali, è sempre vivo il tema Cassano. Abbiamo intervistato, in esclusiva per ilsussidiario.net, il celebre giornalista e telecronista Bruno Pizzul, a cui abbiamo chiesto un parere su alcune scelte di Lippi e sulla condizione del nostro calcio.  

 

Quando si parla di Nazionale il riferimento è sempre per la mancata convocazione di Cassano. Che idea si è fatto?  

Ultimamente Lippi ha dichiarato di rispettare sempre le opinioni altrui, ma di voler ricevere lo stesso rispetto per quanto riguarda le sue scelte, alludendo al discorso Cassano. Il problema è che il c.t. non ha motivato la scelta di non convocare Cassano, e questo è difficile da capire, forse non lo considera per la sua difficile collocazione tattica, o forse c'è qualche problema a livello personale, anche se questo, onestamente, infastidirebbe un pò tutti. Lasciare Cassano fuori da questa Nazionale è una piccola bestemmia per il calcio.  

 

Cassano come Baggio, anche l'ex fuoriclasse italiano ha avuto problemi con Lippi nella sua carriera. Secondo lei è solamente una coincidenza?  

Purtroppo il calcio di oggi è fatto soprattutto di schemi tattici, in particolare quello italiano, dove conta solamente il risultato a discapito dello spettacolo. Gente come Cassano e Baggio, non hanno una precisa collocazione tattica, per questo spesso possono scontrarsi con le idee di alcuni tecnici che non prevedono quel tipo di giocatori.  


Un altro tema è quello degli "oriundi": prima Camoranesi, adesso si aspetta il passaporto di Amauri, mentre nei giorni scorsi anche Thiago Motta ha presentato la propria candidatura a vestire l'azzurro. Quali sono le sue impressioni?  

Camoranesi ha dato un buon apporto alla causa azzurra, Amauri è un buon giocatore ma non penso aumenti il tasso qualitativo del nostro attacco, anche perché quello è il reparto in cui stiamo meglio. Inoltre il via libera agli "oriundi" finirebbe per tarpare le ali ai nostri giovani, aumentando ancor di più la crescita di giovani talenti, soprattutto in questo momento di crisi per il nostro calcio.  

 

Cosa manca alla Nazionale soprattutto in ottica Mondiali?  

I problemi della Nazionale sono soprattutto in difesa e a centrocampo. Non ci sono talenti per il reparto arretrato da lanciare e questo è lo specchio del momento si crisi dei nostri settori giovanili. Inoltre manca il talento, cioè abbiamo un tasso qualitativo basso, per questo non mi spiego la rinuncia ad un giocatore tecnico come Cassano... manca la classica "prima donna". Ai Mondiali sicuramente non partiamo da favoriti, ma era così anche prima dei Mondiali tedeschi, poi vinti con merito. Anche Lippi aveva ammesso di non aver avuto la squadra più forte della manifestazione.  

 

Ieri c'è stata l'ultima polemica tra Juventus ed Inter, con Cannavaro che ha "suggerito" a Santon di cambiare squadra per non perdere il treno dei Mondiali, la risposta di Mourinho non si è fatta attendere. Chi ha ragione?  

Onestamente Cannavaro poteva risparmiarsi quella affermazione, anche perché si sa che a Mourinho basta poco per accendersi. Detto questo non mi pare una polemica scandalosa, in passato c'è stato di peggio, diciamo che è buona soprattutto per noi addetti ai lavori per poter scrivere qualcosa.  

 

Ultima domanda in chiave campionato: è d'accordo con chi sostiene che sarà una lotta a due per lo scudetto tra Inter e Juventus, o pensa ci possano essere degli inserimenti?  

Una cosa è certa, siamo alla seconda giornata di campionato, quindi fare una previsione futura mi sembra azzardato. Detto questo è certo che Inter e Juventus sono due squadre dalla notevole forza. Però questo campionato lo vedo più incerto del solito. Per fare un esempio alla prima giornata si parlava di Inter in crisi per non aver battuto il Bari in casa, mentre il Milan veniva acclamato per aver vinto sul campo di un dignitoso Siena. Dopo la seconda giornata, il clamoroso quattro a zero nel derby a favore dei nerazzurri ha cambiato tutto. Ripeto, la Juventus si è rafforzata molto, ha mostrato segnali di compattezza, così come l'Inter, ma io penso si stia facendo uno sbaglio nell'accantonare il Milan. E poi ci sono squadra come Genoa, Napoli, Sampdoria, che hanno mostrato di poter dire la loro. Il bello di questo campionato è soprattutto l'incertezza, perché nei campionati scorsi non solo si sapeva chi avrebbe vinto, ma anche chi sarebbe arrivato nei primi cinque posti, adesso è davvero difficile dirlo, e questa è un'ottima notizia per lo spettacolo in generale, e per il calcio italiano soprattutto a livello di marketing, visto che all'estero sempre meno sempre meno comprano le partire della Serie A.  

 

(Claudio Ruggieri)



© Riproduzione Riservata.