BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Juventus-Lecce (4-0): i voti, la cronaca e il tabellino

Ad una Juve straripante basta poco più di mezz’ora per chiudere i conti contro un Lecce ben messo in campo, ma incapace di reggere l’urto di una squadra illuminata da Krasic

delpiero_esulta_R375x255.jpg (Foto)

LE PAGELLE, LA CRONACA E IL TABELLINO DI JUVENTUS-LECCE (4-0) – Ad una Juventus straripante basta poco più di mezz’ora per chiudere i conti contro un Lecce ben messo in campo, ma incapace di reggere l’urto di una squadra illuminata da Krasic. Straordinario il primo tempo dell’ex giocatore del CSKA: oggi abbiamo visto un calciatore che, se giocasse sempre così, non farebbe rimpiangere neanche Pavel Nedved. Salvata da un grande intervento di Storari in apertura, la Juve non si scompone, macina gioco, trova in Marchisio e Melo due straordinari interpreti del gioco di Del Neri e si dimostra cinica in attacco. I goal di Aquilani, Melo (generoso il rigore concesso da Gava) e Quagliarella giungono come inevitabile esito di una supremazia a tratti imbarazzante. Il Lecce fa quel che può, prova a tenere alta la squadra presentandosi con una formazione spregiudicata, ma si arrende ben presto a Krasic e compagni. Nella ripresa c’è gloria anche per Del Piero: al capitano bastano 4 minuti per centrare il poker e raggiungere Boniperti in cima alla classifica dei goleador bianconeri di sempre.

 

SINTESI PRIMO TEMPO - La Juve sbriga la pratica Lecce in 31 minuti. Aquilani, Melo e Quagliarella finalizzano il gioco di una Juve oggi apparsa troppo superiore a questo Lecce. Krasic stupisce tutti per quantità di corsa, sagacia tattica ed abilità tecnica: Del Neri gli concede le chiavi del centrocampo e lui ripaga la fiducia estraendo dal cilindro numeri d’alta scuola. Chiellini e Bonucci fanno buona guardia in difesa, coadiuvati anche da uno Storari poco impegnato ma decisivo quando è stato chiamato in causa. Il Lecce resta in partita poco più di 30 minuti: il rigore gentilmente concesso da Grava ai bianconeri, che vale il 2 a 0, segna la calata del sipario su questo match.

 

SINTESI SECONDO TEMPO - seconda frazione sulla falsa riga della prima: Juve padrona e Lecce che sembra incapace di reagire. Buona la circolazione di palla dei bianconeri, che potrebbero anche dilagare, e tanta attenzione a non concedere il fianco ai velleitari tentativi di rimonta dei pugliesi, mentre Krasic continua ad illuminare la giornata uggiosa di Torino. Del Neri concede la standing-ovation a Melo e Aquilani, fa rifiatare la squadra ed inserisce Del Piero a 13 minuti dalla fine: tanto basta a Del Piero per calare il poker e raggiungere Boniperti tra i grandi goleador di sempre.   Finisce così: abbracci per tutti e tifosi che cantano felici.  

 

CLICCA SUL PULSANTE >> QUI SOTTO PER IL TABELLINO E LE PAGELLE DI JUVENTUS-LECCE (4-0)