BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PARMA ROMA/ Niente ritiro, Ranieri in bilico e nell'aria c'è Leonardo

Il tecnico giallorosso è l'indiziato principale di una crisi che non sembra abbandonare la squadra capitolina. Ecco le ultime news

allenamento_roma_R400_SETT_2010.jpg (Foto)

Si riparte da Trigoria, lì dove il giorno successivo alla sconfitta casalinga contro il Basilea, squadra, staff tecnico e dirigenti si sono incontrati per fare il punto della situazione e proseguire negli allenamenti. Ma non si è trattato di un ritorno al lavoro come tanti. Fuori dal centro sportivo neanche l'ombra di un tifoso, al suo interno invece è arrivata anche la presidentessa Rosella Sensi per un colloquio con allenatore e giocatori. Alla fine nessun ritiro, i calciatori hanno manifestato la loro contrarietà ad un'ipotesi del genere e si è deciso di avvicinarsi alla sfida con il Parma senza "misure restrittive" anche se, in caso di sconfitta al Tardini, il ritiro tornerebbe una scelta obbligata.

I diversi faccia a faccia hanno coinvolto tutte le anime di squadra e società. Tra questi anche il confronto tra Ranieri e alcuni "senatori" come Pizarro, Perrotta e Taddei. Parole e concetti alla ricerca dei motivi di una crisi ormai aperta e compromettente: sei sconfitte in undici gare, corredate da 21 gol subiti, con un cammino in Champions League da riacciuffare in tempo, pena l'eliminazione e la perdita di preziosi quattrini (almeno 8 milioni). In un quadro dai contorni preoccupanti, mister Ranieri prosegue il suo lavoro e per il momento incassa la fiducia della società anche se, così sembra, non è più incondizionata. Decisive, in questo senso, potranno rivelarsi le prossime partite (Parma e Lecce) per capire se la Roma riuscirà a rialzarsi grazie alla cura del testaccino. Altrimenti è verosimile che la proprietà opti per un cambio al timone.