BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INTER JUVENTUS/ Calciopoli, Agnelli: forse richiesta riassegnazione scudetti

Il numero uno bianconero ha parlato oggi davanti all'assemblea degli azionisti

scudetti_juventus28-29_13gen09.jpg (Foto)

VICENDA CALCIOPOLI INTER JUVENTUS - «Una volta accertata la correttezza della società negli anni in questione potremmo avanzare la richiesta di riassegnazione dei titoli». Dolci come miele le parole del presidente della Juventus Andrea Agnelli oggi all’assemblea degli azionisti bianconeri. Il numero uno del club di Corso Galileo Ferraris ne ha parlato all’inizio dell’incontro davanti ai piccoli azionisti bianconeri che si sono ritrovati come ogni anno per parlare della società quotata in borsa. Rispetto ad altre occasioni non ci sono state particolari polemiche all’indirizzo del gruppo dirigenziale e l’entrata di Pavel Nedved nel cda è stata vista come un ulteriore segnale del cambio di rotta introdotto dal figlio di Umberto. Come dicevamo sono state apprezzate le sue parole sulla vicenda Calciopoli e sulla possibilità che la società bianconera intraprenda un iter per chidere la restituzione dei due tricolori tolti dalla giustizia sportiva.

 

CALCIOPOLI LE DICHIARAZIONI DI AGNELLI CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


COMMENTI
28/10/2010 - Potremo, non potremmo… (Giuseppe Crippa)

La dichiarazione di Andrea Agnelli che apre questo articolo è riportata in modo leggermente diverso dal sito ufficiale della Juve: Vi si dice tra l’altro: “«dipenderà dai procedimenti giudiziari aperti a Napoli. Se al termine di questi verrà dimostrata la correttezza della società negli anni presi in considerazione, allora POTREMO muoverci. Riguardo l'esposto alla Federazione, ho la sensazione che con Roma il dialogo sia continuo e costante e che le cose si stiano muovendo in un rapporto di stima reciproca tra le società e le istituzioni». L’elisione di quella “m” dà conto del fatto che la decisione di fare tutto quanto sarà possibile, non appena sarà possibile, per riprenderci quanto correttamente conquistato sul campo è già stata presa. Come giustamente chiude l’articolo: non appena la giustizia penale avrà fatto il suo corso, la società Juventus agirà in sede civile e sportiva.