BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

AS ROMA/ Nervi tesi all'assemblea degli azionisti. Perdite vicine ai 22 milioni di euro

Pubblicazione:

Rosella_Sensi_R400.jpg

 

LE RICHIESTE. Nel corso dell'assemblea hanno preso la parola anche diversi azionisti, alcuni dei quali hanno indirizzato critiche non troppo velate a dirigenza e proprietà. L'azionista Pizzicaria si chiede "che cosa stia facendo Montali", auspicando che lo stesso sia nominato direttore generale perché quella del d.g. "è una figura molto importante". E sul mercato ci va giù pesante: "sono stati fatti acquisti per quasi 30 milioni di euro, prendendo dei brocchi come Baptista, Cicinho e Adriano e infine Menez". L'azionista Angeletti scava nel passato e sia chiede "dove sono finiti i soldi di Aquilani", mentre Terlizzi vorrebbe "ricevere l'info memorandum" relativo alla vendita dell'As Roma.

 

LE CRITICHE. L'avvocato Leoni invita la dottoressa Sensi a "battere i piedi con fermezza", ma è da parte dell'azionista Palma che giungono le parole più critiche all'indirizzo della proprietà. "Non c'è una strategia, non si guarda al futuro e non c'è mai stato un divenire ma solo al passato e al presente. Ma finalmente si cambierà. I risultati con cui vi siete riempiti la bocca per tanti anni non sono arrivati, perchè non abbiamo vinto praticamente niente". Lo stesso Palma, dichiarando di parlare "per i tifosi", ha poi accusato la presidentessa di "usare la Roma a scopi personali". Affermazioni contestate da molti azionisti e dalla Sensi stessa. "Sappia che la querelerò" ha detto la presidentessa al termine del battibecco con Palma.

 

I CONTI. L'assemblea, conclusasi poco dopo le 18, ha inoltre approvato il bilancio al 30 giugno 2010 registrando una perdita di esercizio pari a 21,9 milioni di euro. In merito alle previsioni sul prossimo bilancio, il "ministro delle finanze" giallorosso Cristina Mazzoleni ha dichiarato: "non è possibile fare stime, dipende dalle iniziative dei prossimi mesi". Nel frattempo c'è da sciogliere il nodo degli stipendi: a fine mese si arriverebbe a quattro mesi di compensi arretrati nei confronti di giocatori e tesserati. Per questo la società correrà ai ripari nelle prossime ore per scongiurare eventuali penalizzazioni in classifica.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.