BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Palermo–Lazio (0-1), i voti, la cronaca, il tabellino (nona giornata)

Nel Launch match della nona giornata di Serie A, la Lazio capolista fa visita al Palermo delle meraviglie di Delio Rossi, per un match da altissima classifica

Nella foto Ansa l'allenatore dei biancocelesti Edy Reja Nella foto Ansa l'allenatore dei biancocelesti Edy Reja

Nel Launch match della nona giornata di Serie A, la Lazio capolista fa visita al Palermo delle meraviglie di Delio Rossi, per un match da altissima classifica. I biancocelesti di Edy Reja, per merito del passo falso del Milan rimarranno un’altra settimana in vetta alla classifica, ma in terra siciliana hanno la grande opportunità di allungare le distanze dalla seconda. Al Barbera si presenta una Lazio operaia, molto pragmatica e impostata sull’accortenza difensiva. Brocchi e Ledesma formano una gabbia sulla trequarti con l’obiettivo di arginare la fantasia di Pastore.

Nonostante la buona volontà dei padroni di casa, nel primo tempo la partita - dal punto di vista delle occasioni - stenta a decollare- Nella prima mezz’ora l’unico a provarci è un ispirato Pinilla, ma senza fortuna. Al 27’ però, la Lazio si mostra ancora una volta squadra cinica e letale. Calcio di punizione battuto da Ledesma, a centro aria Dias, abbandonato da Bovo, lascia partire un bellissimo tiro di destro che si insacca sotto la traversa. Biancocelesti che ancora una volta passano in vantaggio alla prima occasione utile e confermano la mentalità da grande squadra mostrata in questo avvio di stagione. Il primo tempo si chiude con i tentativi dei padroni di casa, puntualmente stroncati dall’attenta retroguardia laziale.

La ripresa inizia con Hernandez che sostituisce uno spento Ilicic. Al 4’ minuto il Palermo sembra dare avvio ad un secondo tempo d’assedio con un colpo di testa fuori di poco di Nocerino. Ma è solo un fuoco di paglia. La Lazio si mostra attenta e riesce a gestire il vantaggio senza eccessivi problemi. In casa rosanero invece piove sul bagnato quando all’8 minuto il neo entrato Hernandez si infortunia ed è costretto ad uscire. Al suo posto Maccarone non ha un buon impatto sulla gara che pare scivolare senza sussulti sul risultato di 1-0 per gli ospiti. Poi al 32’ Pinilla conquista palla in difesa e parte in slalom con la Lazio riversata in attacco, Biava già ammonito compie un fallo a metà campo e prende il secondo giallo, andando anzitempo sotto la doccia. In superiorità numerica il Palermo ha un sussulto e nell’arco di 2 minuti dall’85’ all’87’ va all’assalto del fortino biancoceleste, trovando un super Muslera. Bravissimo prima su una mezza rovesciata di Pinilla, poi ancora prodigioso quando devia in angolo un colpo di testa a botta sicura dello stesso attaccante cileno. A questo punto Reja inizia la girandola dei cambi e si copre addormentando la partita e dopo quattro minuti di recupero la Lazio porta l’ennesima vittoria a casa ed inizia a fare davvero paura.