BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CICLISMO/ Torri (capo anti doping): i ciclisti? Tutti dopati!

Pubblicazione:

Corridori in gruppo (Foto Ansa)  Corridori in gruppo (Foto Ansa)

CICLISMO DOPING – Il così fan tutti è la base di un terremoto nato dalle dichiarazioni di Ettore Torri, capo della procura antidoping del CONI: “Non sono l’unico a dirlo, i ciclisti che ho interrogato, nessuno escluso, mi hanno detto che tutti si dopano. Credo che il doping non verrà sradicato, a questo punto, se non fosse dannoso per la salute degli atleti, una soluzione possibile, per non configurare ingiustizie fra i ciclisti, sarebbe la legalizzazione dell’abuso di farmaci.” Una dichiarazione di resa clamorosa che ha scatenato forti reazioni nel mondo del ciclismo. La sensazione è che nove procure al lavoro non siano più sufficienti a combattere un fenomeno sempre più radicato e capace di aggirare anche i controlli, attraverso muri di omertà e l’attenzione dei preparatori, sempre più preparati in materia.

 

Che qualcosa non funzioni nel mondo del ciclismo è ormai lampante, la sospensione del numero 1 al mondo è solo la punta dell’iceberg di un sistema in cui i livelli di competitività hanno raggiunto la soglia, il limite umano. Contador è stato fermato e così come lui la sensazione è che ce ne saranno altri, le dichiarazioni di Torri sono quelle dell’uomo che dopo anni di lotta ha la sensazione di essere sempre allo stesso punto.

 

CLICCA SUL SIMBOLO >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LE DICHIARAZIONI DI NIBALI E DI ROCCO SUL DOPING


  PAG. SUCC. >