BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA MONDIALI VOLLEY ITALIA BRASILE/ Cantagalli: che sfida ma ci considerano ancora sport di serie B

LUCA CANTAGALLI oltre 300 gare in maglia azzurra analizza la semifinale di questo pomeriggio: la grinta e la tenacia sono le armi per superare la nazionale verdeoro

Anastasi commissario della Nazionale (Foto Ansa) Anastasi commissario della Nazionale (Foto Ansa)

Una partita che vale la finale. Italia - Brasile si gioca questa sera  a Roma. gara di semifinale di questo Mondiale di pallavolo che è stato un successo incredibile. Per parlare di questo incontro e dei Mondiali abbiamo sentito uno dei grandi della pallavolo azzurra, Luca Cantagalli. Una città nel suo cuore, Modena, con cui ha conquistato 7 scudetti e 4 Champions League. E poi ancora 330 partite con la Nazionale, con cui ha vinto 2 mondiali, 3 Europei e ha conquistato un argento olimpico. Eccolo in questa intervista in esclusiva a ilsussidiario.net

Cantagalli chi vede favorita tra Italia e Brasile?

Metto un gradino sopra il Brasile.

Per vincere su cosa deve puntare l'Italia?

Giocare palla su palla, stare in campo il più tempo possibile.

E poi?

Conteranno tanto le motivazioni, la cosidetta mentalità vincente per avere ragione in questo match così importante.

E' una Nazionale che propone giocatori come Parodi e Cernic. Sono loro le nuove stelle?

Parodi è un buon giocatore. Cernic è da tempo che gioca ad alti livelli.

Quali sono i meriti di Anastasi?

I suoi meriti sono sotto gli occhi di tutti. Ha saputo fare un lavoro straordinario. Ha saputo ricostruire la squadra dopo la debacle dell'Europeo dell'anno scorso.