BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Torino-Ascoli (Serie B): segui e commenta la partita live in tempo reale

Segui la diretta del match Torino-Ascoli

iunco_torino_R400.jpg (Foto)

Torino-Ascoli è più di un posticipo serale di serie B: è il match che può segnare la svolta per due squadre prigioniere di una classifica preoccupante. Per il Torino vincere oggi è l'unico modo per non affondare nelle acque della zona limitrofa alla retrocessione, prima ancora che per continuare a nutrire sogni di gloria, per l'Ascoli invece è già fondamentale accatastare punti per cercare di schiodarsi dal penultimo posto. La classifica corta lo consente, vedremo se lo permetterà il cuore-Toro degli uomini di Lerda.

Il Torino si presenta all’appuntamento odierno con il dubbio Rolando Bianchi: il problema agli adduttori non ha permesso all’attaccante granata di allenarsi con continuità, ma è certo che mister Lerda farà di tutto per recuperare il bomber, già andato in gol 5 volte nella stagione in corso e miglior terminale offensivo del Torino. A disposizione invece, oltre ai due diffidati Garofalo e Iunco, ci sarà anche Christian Obodo che, nonostante la scomparsa del padre avvenuta due giorni fa, ha deciso di rimanere in ritiro con i compagni di squadra per preparare al meglio la gara con l’Ascoli.

Anche l’Ascoli dal canto suo non naviga in acque serene: il penultimo posto in classifica preoccupa non poco, soprattutto data la sterilità offensiva degli attaccanti bianconeri, capaci di segnare solo 12 gol in undici partite disputate. Se si aggiunge l’esclusione per scelta tecnica di Lupoli e Mendicino, ecco che la partita ha per mister Gustinetti tutti i crismi dell’ultima spiaggia: o si vince stasera o la panchina rischia davvero di saltare.

Per quanto riguarda le formazioni, il Torino dovrebbe presentarsi con il classico 4-2-3-1, con Rubinho tra i pali, D’Ambrosio, Pratali, Ogbonna e Garofalo sulla linea difensiva, De Vezze, Obodo, Lazarevic, Iunco e Sgrigna sulla linea mediana, Bianchi davanti.

L’Ascoli, che ripropone lo stesso modulo dei dirimpettai, dovrebbe schierarsi con Guarina tra i pali, Gazzola, Marino, Faisca, Ciofani dietro, Di Donato, Uliano, Sommese, Moretti e Giorgi a sostegno della punta Djuric.

Al campo l’ardua sentenza: oggi nessuno delle due squadre può più sbagliare.