BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ROMA FIORENTINA/ "Arnold" Simplicio e Parolo fanno felice la Roma. E lo scudetto non è più utopia

I giallorossi piegano la Fiorentina e tornano in scia scudetto. La serata dell'Olimpico trascorre tra i gol di casa e le notizie da Cesena

Simplicio e Borriello (foto: Ansa)Simplicio e Borriello (foto: Ansa)

Dopo alcune settimane di inferno e qualche giornata di purgatorio, ecco la strada verso il Paradiso. Nulla di fatto, per carità, ma la Roma è tornata a sorridere potendo affermare, almeno per ora, di essere una squadra vera e competitiva ai massimi livelli, a meno 5 punti dalla vetta. La vittoria casalinga contro la Fiorentina ha rafforzato l'animo gaudente post-derby colmando i vuoti dell'avvio di stagione con numerose certezze in merito alle condizioni fisiche, psicologiche e morali della squadra. La gelida e piovosa serata dell'Olimpico è volata tra il calore dei presenti (30mila circa) e l'accoglienza non esattamente affettuosa nei confronti di Sinisa Mihajlovic (ex di Roma e Lazio). Sugli spalti ancora le immagini del derby, i pensieri ai cugini tristi e le speranze per una stagione ancora indecifrabile.

Grazie ai 90 minuti contro i viola la Roma ha forse ritrovato una parte di se stessa, i suoi automatismi e lo spirito corale. A partire dalla difesa dove, aspettando Juan, l'asse Mexes-Burdisso ha fatto buona guardia, passando per un centrocampo in cui il veterano De Rossi ha dettato legge, affiancato dagli "esordienti" Simplicio e Greco. Il tridente Menez-Totti-Borriello ha dato risultati positivi, pronto a ricevere il contributo di Mirko Vucinic e Adriano, quando si rimetterà. Nel frattempo il francesino, ispirato come pochi, ha creato e inventato con il suo talento cristallino, supportando il tandem Totti-Borriello che gradualmente impara a conoscersi e cercarsi.