BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Triestina-Torino (Serie B): segui e commenta la partita live in tempo reale

Triestina-Torino chiude questa sera al diciannovesima giornata del campionato cadetto

iunco_torino_R400.jpg (Foto)

Triestina-Torino chiude questa sera al diciannovesima giornata del campionato cadetto. La Triestina si dibatte nelle cattive acque della zona retrocessione e se riuscisse a centrare un risultato positivo staccherebbe il gruppo formato ora da cinque squadre ultime a parimerito a quota diciassette punti. Per il Torino è altrettanto importante vincere vista la coincidenza di risultati negativi che hanno fatto scivolare indietro la squadra di Lerda che deve rimanere a ridosso della zona playoff. Con una vittoria ci riuscirebbe sperando nell'aggancio il prossimo turno.

La Triestina arriva all'appuntamento con la panchina rovente del proprio tecnico Iaconi, chiamato a una prova d'appello forse definitiva, e con le assenze di Della Rocca e dello squalificato Malagò. La Triestina scenderà in campo con il 4-4-2 con Viotti tra i pali, Dario D'Ambrosio, D'Aiello, Sabato, Longhi in difesa, Antonelli, Gissi, Gerbo, Bariti a centrocampo e Marchi e il diciannovenne Lionetti in avanti. "Dobbiamo puntare alla vittoria con un atteggiamento sbarazzino senza dimenticare la forza dell’avversario - ha dichiarato il tecnico Iaconi a Il Piccolo - Il Toro è una squadra forte specialmente sul piano individuale, hanno un’ottima organizzazione nel gioco offensivo. Ma ritengo che sul piano psicologico noi saremo più liberi rispetto alle ultime due gare casalinghe".

Il Torino irrompe al Nereo Rocco deciso a far punteggio pieno, impresa non facilissima, con l'incognita Garofalo (lui non ci sarà, ma come sostituirlo al meglio?) e il probabile ritorno di Zanetti titolare al posto di De Vezze. Lerda schiererà il Toro con un 4-2-3-1 con Bassi tra i pali, Danilo D'Ambrosio, Di Cesare, Pratali, Ogbonna (inedito sulla fascia) in difesa, Zanetti e De Feudis arretrati, Lazarevic, Belingheri e Iunco a sostegno di Sgrigna, unica punta. La curiosità è tutta sulla fascia destra, dove si sfideranno entrambi con la maglia numero 88 i fratelli D'Ambrosio Dario e Danilo. Chi la spunterà?