BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Roma, Pradè su Milito «Il suo mancato acquisto è il mio più grande rimpianto»

Parla il direttore sportivo della Roma che traccia un bilancio di questi anni di attività nella Capitale. Dal mercato a Spalletti, passando per Mourinho

militoNazR375_16ott08.jpg (Foto)

Milito ad un passo dalla Roma. Non oggi, certo, ma qualche anno fa. A ribadirlo è proprio il direttore sportivo della Roma Daniele Pradè. Il dirigente romanista, presentato a Franco Sensi dall'allora direttore generale Lucchesi, ha rilasciato un'intervista al mensile "Rivista Romanista", in edicola da venerdì 12 marzo.

"Il mancato acquisto di Milito - ammette Pradè - è il mio più grande rimpianto. Lo avevamo in mano, poi decidemmo che come centravanti sarebbe stato sufficiente Totti e cambiammo strategia. E l'argentino finì al Genoa". L'arrivo di Pradè a Roma è stato "il coronamento di un sogno" grazie al quale il dirigente ha lavorato al fianco della famiglia Sensi e dell'attuale presidente. "Rosella è molto simile al padre. E' esigente, grintosa, determinata, sempre presente. Le devo moltissimo".