BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

ESCLUSIVA RAZZOLI/ Dall'Appennino a Vancouver, genesi di un campione. Video

Razzoli_R375_27feb10.jpeg(Foto)

Come giudica la prestazione della squadra italiana a Vancouver? Dopo buoni risultati in Coppa del Mondo non abbiamo un po’deluso?

Certo in Coppa del Mondo abbiamo fatto meglio. Ma in fondo abbiamo ottenuto anche due quarti posti che sono risultati discreti nello sci. E poi c’è veramente tanta concorrenza. Non sempre è possibile essere ai vertici.

Quali traguardi si prefigge per il futuro?

Mi piacerebbe vincere la Coppa di specialità e fare buoni risultati anche in gigante. Poi spero di mantenermi ad alti livelli.

 

Che rapporto ha con la sua terra, le sue radici?

Bellissimo. Sono molto legato alla mia terra. Gli Appennini rappresentano qualcosa di speciale per me.

 

L’emozione più grande?

La festa che mi hanno fatto a Razzolo, il mio paese, quando sono tornato. Un’emozione fantastica, che ricorderò per tutta la vita. Che bella visione aver visto gli Appennini dopo tanto tempo che mancavo da casa.

 

E’ anche tifoso della Juventus…

Si sono tifoso della Juventus. Ammiro in particolare Alessandro Del Piero. E’ straordinario.

 

Altre cose che le piace fare al di là dello sci?

Mi piace leggere. E poi rilassarmi vicino a casa mia, a Razzolo. Sì devo ammetterlo, le mie radici sono una cosa molto importante per me…


(Franco Vittadini)