BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

LE PAGELLE/ Ngc Cantù - Armani Jeans Milano (64-59): le pagelle della gara

Brutta sconfitta della squadra milanese che sembrava dopo il primo tempo aver in pugno la gara

bucchi_R375x255_17gen09.jpg(Foto)

NGC CANTU - ARMANI JEANS MILANO 64-59 (15-17; 35-41; 54-53).

NGC Medical Cantù: Green 10, Ortner 7, Markoishvili 7, Leunen 21, Mazzarino 8, Giovacchini, Lydeka 4, Micov 7, Mian, Meroni ne, Bloise ne. All.: Trinchieri.

Armani Jeans Milano: Acker 4, Mancinelli 12, Hall 6, Maciulis 6, Mordente 4, Bulleri 11, Rocca 14, Viggiano 2, Becirovic, Ianes ne. All.: Bucchi. Arbitri: Paternicò, Seghetti, Begnis.

NOTE - Tiri liberi: Cantù 11/17; Milano 10/12. Tiri da tre punti: Cantù 5/25; Milano 5/22. Rimbalzi: 39 Cantù, 33 Milano.Spettatori: 3.461.

Ortner 8: è il protagonista indiscusso della rimonta canturina; rimbalzi, sfondamenti subiti, difesa attentissima. Con la sua carica cambia il volto della gara e consegna la vittoria a Cantù.

Markoishvili 5: è in campo nei parziali di Milano. Poco in difesa e ancora meno in attacco

Leunen 8: da solo vale un terzo dell’attacco canturino. Leunen trasforma in punti quello che Ortner crea con l’intensità.

Green 6.5: orribile per tre quarti e mezzo. Non riesce a punire come potrebbe la difesa a tratti confusionaria di Milano nei primi due quarti. In un finale in cui nessuno segna più si inventa i due canestri decisivi che mandano Cantù in paradiso.

Lydeka 5: non è un caso se il parziale di Cantù lo vede sempre in panchina. Molle e disattento in difesa.

Mazzarino 6: il suo play-making non è quello delle giornate migliori, così come il tiro da tre che oggi non entra mai. Quando Cantù decide di stringere le maglie non si tira indietro.

Micov 5.5: primi due quarti pessimi in cui sbanda in difesa. Anche lui è in campo e si riscatta quando Cantù decide di vincere la partita. Giovacchini 6.5: ordinato e preciso nei minuti che Trichieri gli concede. Il migliore, insieme a Leunen, per assist.

Mian s.v.

Trinchieri: 7 azzecca tutti i cambi, compreso quello di Green (fino a quel momento solo dannoso) a quattro minuti dalla fine. Si mette nelle mani degli uomini giusti al momento giusto.