BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, salta tutto se salta l’Europa: dirigenza a rischio e rifondazione difficile

diego_disperato_R375x255_20dic09.jpg (Foto)

La famiglia Della Valle ha dato appuntamento a dopo Pasqua ma, in queste ore, il patron Diego sta velenosamente ricordando al tecnico che in casa viola i contratti si rispettano, come accaduto con Toni. E quello di Prandelli scade nel 2011. Strada in salita, malgrado la Juventus abbia individuato nell’ex bianconero il futuro.

 

Alternative? Rafa Benitez e Laurent Blanc, se i bianconeri andranno in Europa, più defilato Max Allegri. Guai anche per quanto riguarda la squadra. Perché, l’eventuale rivoluzione, è bloccata da contratti (pesanti) in scadenza nel 2011: Del Piero, Legrottaglie, Trezeguet, Camoranesi, Salihamidzic, Grygera, Zebina. E quelli di gente che ha deluso (Diego e Felipe Melo) sono altrettanti zavorrati da cifre con molti zeri. Idee, al momento, tante.

 

Tutte in sospeso: Gilardino se arrivasse Prandelli per l’attacco, con Kuranyi oggi più lontano e Dzeko costoso e promesso al Milan. Van der Wiel dell’Ajax, Douglas del Twente e Tasci dello Stoccarda per una difesa cui Mexes ha già detto no, dove Bonucci è in calo e Caceres un punto interrogativo, per la pubalgia e per l’alto costo del riscatto. Ma il punto interrogativo più grande va riservato alla società: perché un fallimento in chiave Europa porterebbe a un ribaltone imprevisto poco tempo or sono.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
27/03/2010 - Prandelli non è la soluzione per l’anno prossimo (Giuseppe Crippa)

La mia è un’opinione del tutto fuori dal coro ma desidero esporla comunque, anche se contrasta con le convinzioni di Sandro Bocchio, che sono felice di leggere anche qui a Il Sussidiario. Anche la scelta dell’allenatore è una questione di stile: e la Juve non dovrebbe strappare ai Della Valle Prandelli, che comunque quest’anno non sta convincendo pienamente in campionato. Se Zac centrasse il quarto posto (obbiettivo ogni domenica più lontano…) lo riconfermerei, se non lo centrasse mi auguro che Allegri sia il prescelto, ma anche un ritorno in Italia di Spalletti mi sarebbe gradito.