BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Juventus, salta tutto se salta l’Europa: dirigenza a rischio e rifondazione difficile

SANDRO BOCCHIO analizza le vicende in casa bianconera e come la società di Corso Galileo Ferraris potrebbe muoversi sul prossimo mercato di giugno

diego_disperato_R375x255_20dic09.jpg (Foto)

CALCIOMERCATO JUVENTUS: LE POSSIBILE MOSSE DI MERCATO - Con fiera testardaggine, la Juventus continua a farsi male da sola. Distanti i tempi del 2-1 all’Inter, tristi quelli dell’era Zaccheroni: media punti inferiore a Ciro Ferrara (1,3 contro l’1,6 del predecessore) e squadra scivolata fuori anche della zona Europa League dopo la batosta di Napoli, l’ennesima subita in rimonta. Ha un bel dannarsi il presidente-amministratore delegato-direttore generale Jean-Claude Blanc a indicare il quarto posto come obiettivo minimo.

 

Il rischio serio è non partecipare a nessuna coppa la prossima stagione (impresa riuscita solamente a Gigi Maifredi, anno della serie B esclusa), con tutte le conseguenze economico-attrattive del caso. Economiche perché, in attesa dello stadio autofinanziante, la società dovrebbe di nuovo mettere pesantemente mano al portafoglio per rivedere la squadra. E le voci non sono tutti concordi da questo punto di vista. Attrattive perché una Juventus di scena solo in Italia avrebbe poco appeal presso giocatori e allenatori. Quest’ultimo fronte sta diventando il più spinoso per il pensatoio bianconero, dopo le barricate alzate a Firenze sul nome di Prandelli.

 

CALCIOMERCATO JUVENTUS CONTINUA A LEGGERE CLICCA SOTTO


COMMENTI
27/03/2010 - Prandelli non è la soluzione per l’anno prossimo (Giuseppe Crippa)

La mia è un’opinione del tutto fuori dal coro ma desidero esporla comunque, anche se contrasta con le convinzioni di Sandro Bocchio, che sono felice di leggere anche qui a Il Sussidiario. Anche la scelta dell’allenatore è una questione di stile: e la Juve non dovrebbe strappare ai Della Valle Prandelli, che comunque quest’anno non sta convincendo pienamente in campionato. Se Zac centrasse il quarto posto (obbiettivo ogni domenica più lontano…) lo riconfermerei, se non lo centrasse mi auguro che Allegri sia il prescelto, ma anche un ritorno in Italia di Spalletti mi sarebbe gradito.