BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

INTER-CSKA MOSCA/ Tutto sugli avversari dell'Inter: Krasic, Honda, Dzagoev e Necid le stelle

Krasic_R375_23set09.jpg(Foto)

Scopriamo i giocatori più temibili del Cska Mosca

 

E' sicuramente il giocatore più temibile. Il serbo, migliore giocatore della Serbia nel 2009, è un esterno d'attacco molto bravo tecnicamente e pericoloso tatticamente perchè spesso non da punti di riferimento. Tra l'altro gioca prevalentemente a destra, ovvero troverà di fronte la fascia sinistra dei nerazzurri, attualmente la più martoriata dopo i problemi fisici di Santon e Chivu. Molto bravo nel dribbling è molto veloce e potrebbe essere una spina nel fianco per la retroguardia nerazzurra.

 

Per capire la pericolosità di questo giapponese basti pensare al paragone con Sneijder. Il giocatore asiatico è simile nel modo di giocare al nerazzurro, anche se è meno fantasista e più forte fisicamente. Di sicuro Honda ha una forte personalità visto che in poche partite ha già preso in mano le redini del gioco russo, segnando il gol decisivo nella partita contro il Siviglia e servendo un assist al bacio al compagno di squadra Necid. Molto bravo nei calci da fermo è il classico "peperino" in mezzo al campo.

 

Necid Ricordate il centravanti della Repubblica Ceca Jan Koller? Il gigante ex Borussia Dortmund è stato spodestato in Nazionale da questo ragazzo classe 89'. Meno fisico rispetto al predecessore, Necid non è il classico centravanti statico dell'area di rigore, anche perchè oltre ad essere forte fisicamente è molto bravo tecnicamente, per questo gli piace spaziare su tutto il fronte offensivo, aprendo varchi per le incursioni dei centrocampisti.

 

Akinfeev Eccolo il "Buffon russo", oppure il "nuovo Yaschin" come viene chiamato dalla stampa russa, uno dei portieri più forti del panorama mondiale che tanto piace a Ferguson ed al Bayern Monaco. Il russo ha solo 24 anni ma ha già una grande esperienza internazionale, è titolare anche della Nazionale russa. Molto bravo tra i pali e nelle uscite anche grazie ai 190 centimetri d'altezza, ha grandissimi riflessi, un ostacolo importante per Milito ed Eto'o.

 

Dzagoev Anche per lui paragone illustre visto che in Russia lo chiamano il "nuovo Arshavin". Dzahoev è un classe 90', stessa età di Balotelli e sicuramente grande talento come quello nerazzurro. Il ruolo che predilige è quello di trequartista anche se non è ancora un titolare fisso soprattutto dopo l'avvento di Honda. Una vera e propria macchina sforna assist, soprattutto decisivi, ed anche sui calci da punizione è pericolosissimo.

 

(Claudio Ruggieri)

 

© Riproduzione Riservata.