BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA INTER GENOA/ Pistocchi: Mourinho e gli arbitri, Balotelli e i Mondiali

MAURIZIO PISTOCCHI racconta i temi caldi del campionato che, tra le polemiche, si avvicina alle sfide decisive: dal "caso" Mourinho alle polemiche arbitrali, fino all'esplosione di Balotelli

. .

Dal "caso" Mourinho alle polemiche arbitrali, dall'esplosione di Balotelli ai Mondiali che si avvicinano. Maurizio Pistocchi, giornalista di Mediaset, racconta, in esclusiva per il sussidiario.net, i temi caldi dell'annata calcistica.


Pistocchi è sempre l’Inter la squadra favorita per lo scudetto?

E’ un gradino sopra le altre. Anche a Udine non ha risentito di tutte le assenze che aveva. Ha veramente un organico superiore.

 

Quindi con il Genoa che partita sarà?

L’Inter è certamente favorita. Non dimentichiamo il 5-0 dell’andata per i nerazzurri. Anche se poi ogni partita è a sé. Resta il fatto che il Genoa prende veramente tanti gol e questo può essere una cosa determinante per decidere il risultato.

 

Gli atteggiamenti di Mourinho come li giudica?

Si è parlato tanto del gesto delle manette... Non mi sento di colpevolizzarlo. Quel gesto si poteva interpretare in tanti modi. Non per forza come un accusa verso l’arbitro. Mi sentirei di assolvere il tecnico portoghese.

 

Si sta tornando a parlare molto di arbitri...

Gli arbitri hanno sempre sbagliatoe gli errori nella storia del calcio ci sono sempre stati. Forse in un calcio molto veloce e molto complicato come quello di adesso l’aiuto della tecnologia sarebbe auspicabile. Per quanto riguarda i fatti spiacevoli del passato spero e credo che non ci siano particolari complotti tali da far pensare ad altri scandali in questo sport come in passato.

 

Un altro caso che sta infiammando l’Italia calcisitica è quella della convocazione di Mario Balotelli per Sudafrica 2010...

Io lo porterei certamente. Credo che Balotelli sia più essenziale per la Nazionale, più dello stesso Cassano. E’ un giocatore che segna, ed è completo, può ricoprire vari ruoli in attacco. Poi non è così conosciuto a livello internazionale. Potrebbe essere una sorpresa ai prossimi Mondiali. Aggiungerei però che non mi sembra giusto condizionare il commissario tecnico sulle sue scelte. E’ lui che decide.

 

Si avvicinano le gare di ritorno di Champions. Come vede la trasferta del Milan con il Manchester United?

 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO, CLICCA QUI SOTTO