BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA MANCHESTER MILAN/ Lodetti: "Milan, serve l'impresa, Manchester favorito all'80%"

GIOVANNI LODETTI 41 anni fa giocava contro il Manchester United la semifinale di Coppa dei Campioni, che poi il Milan vinse. Oggi racconta la sfida ai Red Devis dei rossoneri di Leonardo

Leonardo_R375_9set09.JPG (Foto)

E' finalmente Manchester Milan: si decide domani il destino dei rossoneri in Champions. Per parlare di questa sfida abbiamo sentito, in esclusica per ilsussidiario.net Giovanni Lodetti, storico ex che dal 1961 al 1970 ha militato tra le file dei rossoneri. Ha conquistato 2 scudetti,1 Coppa Italia, 1 Coppa delle Coppe, 1 Coppa dei Campioni e una Coppa Intercontinentale e proprio nella semifinale del 1969 di Coppa dei Campioni ha affrontato il Manchester United...

Lodetti, c'è Manchester United – Milan. Chi vede favorito?

Il Manchester United è nettamente favorito. Ha un 80% di possibilità di passare il turno. Il 3-2 con cui la squadra britannica si è imposto a San Siro potrebbe risultare decisivo. Il Milan dovrebbe fare un’impresa per qualificarsi.

E’ una missione impossibile per i rossoneri?

Tutto deve filare al verso giusto. Bisognerebbe sbloccare il risultato nei primi minuti o quantomeno andare al riposo con lo 0-0. I club inglesi in casa sono molto forti, giocano con aggressività e determinazione. E il Milan non mi sembra all’altezza delle stagioni precedenti, quando er aprotagonista in Champions League.

Ma nel Manchester potrebbe mancare Rooney?

L’ assenza di Rooney sarebbe compensata da quella di Pato. Nessuna delle due formazioni ci guadagnerebbe.

Dove si deciderà quindi questo match?

A centrocampo. Se il Milan giocherà in questo reparto come contro la Roma le possibilità di far bene saranno buone, poi saranno sempre gli attaccanti a decidere il risultato.

Speriamo in qualche invenzione di “Pippo” Inzaghi…

E’ difficile. Inzaghi ha i suoi anni. Ha giocato poco finora. Non voglio dire che sia impossibile. Ma il Milan non può sempre contare sui suoi miracoli.

Cosa manca al Milan?

E’ una buona squadra che però ha diversi elementi avanti con gli anni. Ci vorrebbe un rinnovamento generale per poter lottare al vertice maggiormente.

Quanto si sentierà l’assenza di Kakà?