BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOPOLI / Moggi attacca: 75 intercettazioni shock su Inter e Milan

Il processo presso il Tribunale di Napoli continuerà il prossimo martedì

Moggi_Napoli_R375_13apr10.jpeg (Foto)

Gli avvocati di Luciano Moggi passano al contrattacco e l’udienza per lo scandalo del calcio che si è svolta in mattinata a Napoli si arricchisce di nuovi elementi clamorosi. Come la trascrizione di una telefonata, relativa al novembre 2004, in cui Giacinto Facchetti, all’epoca dirigente dell’Inter e oggi scompaso, concorda con Paolo Bergamo la griglia degli arbitri. E si tratta soltanto di una delle 75 nuove intercettazioni, relative al periodo 2004-2005, presentate dai legali di Moggi, Maurilio Prioreschi e Paolo Trofino, con l’obiettivo di dimostrare che i contatti tra arbitri e dirigenti calcistici facevano parte della prassi comune e non di un sistema mafioso rispetto a cui il loro assistito sarebbe stato la cupola.

I due difensori hanno anche chiesto l’acquisizione di circa 3mila contatti telefonici con indagati da parte di dirigenti di società, ricavati dai tabulati anche relativi ai centralini dei club calcistici. I pm Giuseppe Narducci e Stefano Capuano non si sono opposti all’acquisizione delle 75 telefonate, dichiarando anzi di ritenerla indispensabile. Ed è quindi probabile che anche il presidente del collegio, Teresa Casoria, si esprimerà in senso positivo. Nel corso dell’udienza i legali di Moggi e di Leonardo Meani, ex addetto arbitri del Milan, hanno controinterrogato il colonnello dei carabinieri Attilio Auricchio, che ha coordinato le intercettazioni. Il militare ha spiegato che il 90% delle registrazini relative a Meani riguardano fatti personali. Mentre Trofino ha incalzato il colonnello nel tentativo di dimostrare che le indagini sarebbero state condotte in modo approssimativo. “Abbiamo incrociato dati rispetto alle utenze di dirigenti, centralini di alcuni club e tutti avevano contatti con i designatori”, ha detto Trofino. Indicando in particolare alcuni dirigenti di Milan e Inter tra quanti contattavano i designatori. “Noi non tiriamo in ballo nessuno, è un dato rilevante per la difesa il fatto che tutti avessero questo tipo di contatti”, ha aggiunto. Cosa che a suo giudizio dimostrerebbe l’insussistenza dell’associazione a delinquere a carico di Moggi. E dai contatti emersi da queste intercettazioni, ha detto ancora il legale, si evince che alcuni dei dirigenti di altre squadre erano a conoscenza delle designazioni il giorno prima di Moggi.


COMMENTI
14/04/2010 - intercettazioni si ed intercettazioni no (antonio petrina)

ma si può commentare il mare magnum di intercettazioni che dicono fatti personali,il classico pollaio in tutte le salse ? Se c'è corruzione o concussione a altri fatti penali, dica il giudice sportivo ,come peritus peritorum ,cosa è rilevante delle stesse intercettazioni dall'inizio e mai più dopo si possano ammettere delle intercettazioni e si finisca con il pollaio e similia : urge una riforma per porre un freno all'abuso delle stesse intercettazioni !