BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOPOLI/ Moggi a valanga: «L’Inter deve restituire lo Scudetto, Facchetti? Io certe cose non le ho mai fatte…»

Luciano Moggi ospite della trasmissione Mattino Cinque

moggi_bettega_giraudo_R375_24nov09.jpg (Foto)

CALCIOPOLI – A due giorni dall’udienza di Napoli torna a parlare Luciano Moggi e lo fa ai microfoni di Canale 5 ospite della trasmissione condotta da Federica Panicucci Mattino 5. L’ex direttore generale della Juventus commenta le “nuove” intercettazioni: «Tutto quello che è emerso adesso c'era anche prima – confessa - probabilmente nessuno lo ha potuto tirare fuori. Evidentemente quello che faceva la Juventus e che facevano Moggi e Giraudo era influente sui risultati, mentre quello che facevano altri no. Se si dovessero confrontare le telefonate si vede tranquillamente che sono molto più problematiche le telefonate degli altri che quelle della Juventus». Un Moggi che si sente accusato solo perché vinceva: «Sono stato accusato perchè la mia squadra vinceva e vinceva perchè era la più forte. Se avesse perso qualche partita in più tutto questo non si sarebbe verificato».

 

Si passa quindi ad analizzare la posizione dell’Inter: «Adesso si attaccano un po’ al 'fumo della pipa’. Il problema non è quello che il nome di Collina lo ha fatto Bergamo o l'ex presidente dell'Inter. Influente è quello che ha fatto l'ex presidente dell'Inter: ha chiamato il designatore, e poi diceva anche mettimi il numero uno, io queste cose non le ho mai fatte. I miei avvocati hanno dato 75 intercettazioni da verificare e che il presidente del tribunale si è riservato di acquisirle. Cosa dimostreranno? Che tutti parlavano con tutti». Moggi prosegue: «Ieri sera l'ex segretario generale della Uefa Aigner ha detto che se quello che è emerso adesso fosse emerso nel momento in cui è stato fatto questo processo, ed è stato dato lo scudetto all'Inter, probabilmente la Juventus era la società che non retrocedeva».

 

CALCIOPOLI, PARLA MOGGI, CONTINUA A LEGGERE, CLICCA SOTTO