BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

TENNIS INTERNAZIONALI ROMA/ Nadal e Djokovic dalla terra rossa all'Olimpico: al Foro Italico una festa di sport

Gli Internazionali d'Italia (24 aprile-8 maggio) si svolgono a due passi dallo stadio Olimpico di Roma dove domenica sera si sono recati anche i tennisti Nadal e Djokovic. Calcio e Tennis uniti in un pomeriggio particolare

nadal_djokovic_olimpico_R375_25apr10.jpg (Foto)

Dal Foro Italico allo stadio Olimpico il passo è breve, quasi impercettibile se non fosse che domenica, a distanza di pochi metri, vi fossero due eventi sportivi di primissimo livello tali da catturare l'attenzione di migliaia di spettatori capitolini e non. Gli Internazionali d'Italia, massima competizione tennistica nostrana, hanno infatti aperto i battenti il 24 aprile per dare il via ad un torneo con i grandi nomi del tennis mondiale quali Nadal, Federer, Djokovic e tanti altri. Ed è successo pure che domenica 25, giorno di Roma-Sampdoria, due sport così diversi si incontrassero e respirassero la stessa aria di allegria e partecipazione.

Il villaggio del Foro Italico, allestito a tutto punto con stand, eventi, campi sportivi e bar, costituisce l'epicentro dei pre/post partita dove si riversano migliaia di appassionati e addetti ai lavori che seguono da vicino gli Internazionali. Un villaggio con musica, hostess, sponsor e tanti giovani, oltre alla bellissima scritta in corsivo che campeggia su uno degli stand. "Gli inglesi hanno inventato il tennis ma gli italiani lo hanno umanizzato". In quella passerella, dove circolano bambini, famiglie e ragazzi, si sono inseriti anche tanti tifosi romanisti che, prima del big match, hanno potuto passeggiare e respirare l'aria della terra battuta, godendosi pure gli allenamenti di Rafael Nadal che, intorno alle 19.00 era su un campo a scaldare muscoli e racchetta per la gioia degli astanti, tra cui tanti spagnoli, turisti e semplici curiosi.

E così il villaggio del Foro Italico, tirato a lucido e ricco di bella vita, ha accolto il pellegrinaggio di migliaia di tifosi romanisti che, sciarpetta al collo e biglietto alla mano, si avviavano ai cancelli dell'Olimpico pochi metri più avanti. Un pomeriggio di sport condiviso tra supporters diversi: quelli del tennis, inconfondibili, con polo firmata e camicia in vista, mentre quelli della Roma ovviamente colorati di giallorosso e facilmente individuabili nell'atmosfera "fighetta" che si respirava da un campo all'altro del villaggio pallettaro.