BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

CALCIOPOLI/ Caso Moratti-Bergamo, fonti inquirenti: «Disinformazione allo stato puro, vittime non possono diventare colpevoli»

Moratti_R375_17feb09.jpg(Foto)

L’avvocato di Luciano Moggi, Paco d’Onofrio, la pensa però diversamente: «Sulla base delle ammissioni di Auricchio e sulle nuove intercettazioni, la Juventus potrebbe già chiedere di riaprire il processo di calciopoli – si legge su Tuttosport - potrebbe ottenere una diminuzione della pena perchè il comportamento di Moggi non era solo suo. La retrocessione in serie B ormai è stata scontata, ma penso che per quei due scudetti... Servirebbe però una mossa della Juventus, che per ora non sembra intenzionata. Oppure Palazzi dovrebbe aprire un fascicolo».

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
03/04/2010 - Cortina fumogena. (Giuseppe Crippa)

Inviterei la redazione sportiva ad una maggiore precisione di linguaggio. Questa vicenda si gioca su due piani, quello penale e quello sportivo. Se le conversazioni di Moratti non costituiscono reato penale, sono chiaramente illecite da un punto di vista sportivo. Non voglio pensare che si confondano volutamente i due piani. Fosse così, faccio presente che è comunque inutile innalzare una cortina fumogena sul comportamento di Moratti: tra pochissimo la Procura Federale diretta dal dott. Palazzi inizierà un lavoro che la stampa, volente o nolente, non potrà che registrare.