BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESCLUSIVA UDINESE JUVENTUS/ Bertotto: Zac torna a Udine per lanciare la Juventus in Champions

Pubblicazione:sabato 3 aprile 2010

bertotto_R375x255_2apr10.jpg (Foto)

Fin dai tempi dell’acquisto di Zico…

E’ stato importante quel momento ma penso che siano ancora più importanti gli ultimi quindici anni nella storia della società friuliana in cui si sono raccolti risultati molto significativi.

 

Quali sono i giocatori che secondo lei sono stati più importanti per l'Udinese in questi anni?

Ce ne sono tanti, da Amoroso a Bierhoff, a De Sanctis a Iaquinta. Ora c’è Di Natale, un calciatore straordinario.

 

Quali sono le ragioni che consentono a una piccola società di provincia di stare per tanto tempo nell’elitè del calcio professionistico?

Programmazione, idee chiare, organizzazione molto buona. Una rete di osservatori che permette di scoprire calciatori di buona qualità, strutture molto buone con un centro sportivo di grande valore. Nulla è lasciato al caso all’Udinese.

 

Merito di Pozzo?

Pozzo ha certamente i suoi meriti. Ha permesso con le sue scelte e la sua gestione di mantenere l’ Udinese ad alti livelli. Poi c’è da sottolineare l'ottimo rapporto con la città. E' un ambiente ideale per fare sport… Udine è una città di 100.000 abitanti. Il Friuli è una parte della provincia italiana. Ma qui si lavora bene. Non c’è assolutamente pressione. Si vive il calcio senza isterismi. E’ veramente l'ambiente ideale per fare football.

 

Da altre parti non è proprio così, vedi lo schiaffo a Zebina…

Lo schiaffo a Zebina è stato un gesto assurdo. La violenza, ogni tipo di violenza è sbagliata. In Italia tutto sta diventando troppo esasperato

 

Non pensa che il modo di vivere il football a Udine debba essere un esempio?

Sono d'accordo, bisognerebbe mitigare i toni. In Inghilterra il calcio è uno sport che viene vissuto in maniera diversa: nella Premier League c’è un atmosfera differente. A Udine il calcio non è vissuto come una guerra, potremmo dire che anche qui vince il modello inglese.

 

(Franco Vittadini)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.