BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ESCLUSIVA BARI GENOA/ Bocchetti: sogno una chiamata di Lippi. Il futuro? Ho 3 anni di contratto...

Bocchetti e Sokratis in allenamento (Foto Genoa acfc.it) Bocchetti e Sokratis in allenamento (Foto Genoa acfc.it)

Hai partecipato nel 2008 alle Olimpiadi con la maglia dell'Under mentre lo scorso anno ad ottobre hai esordiato in Nazionale maggiore. Ci racconti che emozioni hai provato?

Partecipare alle Olimpiadi è stata un'esperienza indimenticabile perchè l'atmosfera ai Giochi è molto particolare. Comunque l'esordio in Nazionale è stato qualcosa di unico, un'emozione assoluta che ancora oggi mi fa emozionare... è il sogno di ogni giocatore.

 

Da qualche settimana si parla di un interessamento del Napoli nei tuoi confronti. Il tuo agente non ha chiuso le porte ad un possibile trasferimento nel club partenopeo. Tu da napoletano e da tifoso del Napoli cosa ci puoi dire?

Non so nulla e non so neanche se è vero questo interessamento, io penso solo a fare bene con il Genoa perchè mancano ancora tre partite e poi ho ancora tre anni di contratto. Saranno eventualmente le due società a parlare di questo argomento.

 

Anche perchè Mazzarri ama giocare con la difesa a tre...

Si questo è vero, ho visto giocare il Napoli parecchie volte ed in difesa hanno giocato spesso e volentieri con la difesa a tre ma, ripeto, non è il momento di parlare di mercato.

Mercoledì i due tuoi ex compagni, Milito e Thiago Motta, hanno conquistato la finale di Champions League...

Sono contento per loro perchè sono due ottimi ragazzi e soprattutto due giocatori fantastici. Complimenti all'Inter che ha meritato la qualificazione contro una grande squadra come il Barcellona.

 

Quale attaccante in Serie A ti ha dato maggiori problemi?

Sicuramente Ibrahimovic nella scorsa stagione, riesce ad abbinare qualità e quantità, ti mette sotto anche da punto di vista fisico.

 

Tra i tuoi sogni nel cassetto che spazio occupa il desiderio di giocare in un grande club come Inter, Milan e Juventus?

Onestamente il mio più grande sogno è quello di vincere un Mondiale di calcio, fin da bambino ho in mente questo obiettivo. Spero di poterlo esaudire un giorno...

 

In molti parlano di te come di un nuovo Fabio Cannavaro. Cosa pensi di questo paragone?

E' un paragone che non esiste perchè lui ha vinto un Pallone d'Oro e poi è stato uno dei principali artefici della vittoria dell'Italia al Mondiale. Lui è un campione affermato io invece devo fare ancora tanta strada.

 

Ultima domanda che non riguarda il calcio: tu, come Cannavaro ed altri giocatori napoletani, siete riusciti a sfondare nel mondo del calcio, mentre altri tuoi conterranei spesso non riescono ad evitare strade pericolose. Cosa consigli a tutti i ragazzi di Napoli?

Non devono mai mollare, mai, devono lottare con coraggio per cercare di realizzare i propri sogni.

 

(Claudio Ruggieri)

© Riproduzione Riservata.